Segni particolari? Antimafioso!, del 02.04.2014, mercoledì

3 Aprile 2014 in Cronache dal Governo, Prima Pagina

Valeria, la rivoluzionaria di Crocetta: “Beethoven vuol dire antimafia” … un’altra persona impegnata nell’antimafia che va a ricoprire un incarico “gestionale” … dopo Ingroia e chissà chi altri.

Il fatto di essersi distinti nella denuncia di fenomeni estorsivi o nella lotta contro la mafia è certamente un valore … ma è quello che serve per andare a guidare un Ente, una società, una fondazione musicale?

Si tratta di personalità che potrebbero avere, e che hanno, un ruolo importante nella promozione della cultura della legalità, ma da qui a pensare che possano amministrare organizzazioni complesse ce ne vuole.

Non la pensa certamente allo stesso modo il presidente che seleziona, come leggiamo nell’articolo che segnalo, delle personalità per lanciare dei messaggi anche se tali personalità non hanno nulla a che vedere con il settore che sono chiamati a governare.

Mi rendo conto che piuttosto che affidare l’incarico a un politico di lungo corso, magari “trombato” a qualche elezione, potrebbe andare bene una persona impegnata nella denuncia del racket … ma individuare un professionista che di mestiere fa quello … no?

Anche il fatto che la signora Grasso affermi che l’incarico è gratuito non è di per se un fatto positivo. Prendendo spunto da un articolo di qualche mese fa nel quale lessi che la cultura non può essere affidata al volontariato in quanto schiere di artisti sarebbero altrimenti destinate alla disoccupazione, mi sembra giusto che il lavoro di professionisti venga pagato … ma purchè si tratti di professionisti e che producano dei risultati!

robesteseFonte: https://www.facebook.com/eugescaphoto