da fedro

Io ci provo per un vero cambiamento, di Paolo Luparello, del 27 ottobre 2017, venerdì

ottobre 27, 2017 in Noi la pensiamo così, Prima Pagina da fedro

Io ci provo per un vero cambiamento, di Paolo Luparello, del 27 ottobre 2017, venerdì

Quella che si sta svolgendo sotto i nostri occhi è forse la campagna elettorale più nascosta di sempre.
Nascosta perchè girano pochi manifesti, girano pochi volantini, vengono fatti pochi comizi, di quelli che una volta si facevano nelle piazze.
Sembra che molti candidati abbiano preferito un basso profilo, per dare poco nell’occhio, facendo ricorso al passaparola, in alcuni casi senza neanche fare riferimento al candidato presidente sostenuto o alla lista nella quale ci si è candidati.
Si temono le domande. Si teme che si chieda conto e ragione di certi comportamenti dei leader. Si teme che l’elettorato scopra che i propri compagni di merende sono quelli di sempre, quelli per i quali i voti servono per poterli barattare in cambio di favori e incarichi.
Quanti tra gli elettori hanno il coraggio di dire basta?
Quanti tra gli elettori possono permettersi il lusso di votare senza pensare a un proprio tornaconto personalissimo?
Quanti tra gli elettori sono capaci di dare un voto che riesca a far restare a casa gli impresentabili che non sono soltanto coloro i quali hanno problemi con la giustizia, ma anche coloro che non hanno mai fatto niente per il bene comune?
Io la mia risposta me la sono data.
La mia risposta alle elezioni regionali siciliane 2017 è Giancarlo Cancelleri e i candidati del Movimento 5 Stelle!
Io a cambiare ci provo!
Buon voto
Un saluto da Paolo Luparello

da fedro

E poi non dobbiamo pensar male a proposito di una campagna di stampa anti M5S?, Riflessioni di Fedro del 23.10.2017, lunedì

ottobre 23, 2017 in Noi la pensiamo così, Prima Pagina da fedro

E poi non dobbiamo pensar male a proposito di una campagna di stampa anti M5S?, Riflessioni di Fedro del 23.10.2017, lunedì

Dagli attivisti del Movimento 5 Stelle mi aspetto molto di più di quanto mi aspetterei dagli altri politici. Mi aspetto che rispettino la legge e che improntino il proprio operato all’interno delle istituzioni nel solo ed esclusivo interesse del bene comune.

Questo, che dovrebbe essere il prerequisito che ogni cittadino dovrebbe possedere per dedicarsi alla politica, fa paura a tanti. Fa paura ai tanti che hanno bisogno di uomini politici ai quali rivolgersi nella veste di sudditi piuttosto che in quella di cittadini con diritti e doveri.

Avere una classe politica che riesca a far produrre nelle aule parlamentari leggi giuste nell’interesse di tutti e che dedicherà soltanto una parte della propria vita alla politica, fa paura a quanti nella contiguità con la politica hanno costruito la propria fortuna, spesso con grande dispendio di denaro pubblico.

Che ad aver paura siano gli appartenenti a una certa casta lo si può capire, si può capire meno invece la paura di tanti cittadini che invece temono chissà quali sfaceli da un governo del M5S, come se fino a oggi i governi di destra e sinistra che si sono alternati, sia in Italia che in Sicilia, ci hanno fatto vivere anni tranquilli e prosperosi.

Io so soltanto che ben venga in Sicilia un governo del Movimento 5 Stelle e spero che riesca a realizzare il programma che si è dato e se non sarà all’altezza della situazione, se sceglierà assessori impreparati, se  sceglierà burocrati inesperti, se peggiorerà la situazione socio-economica della Sicilia, non lo voteremo più secondo le regole democratiche che ci siamo dati.

Ma che si debba avere paura di un governo del M5S solo perchè lo dicono i rappresentanti di un vecchio modo di fare politica supportati da una stampa non sempre obiettiva, ma capace di disinformare, lo trovo inaccettabile.

Prendo spunto da questo articolo che segnalo in calce al post per far comprendere il modello di comportamento di una certa stampa. Se una notizia in negativo riguarda un amministratore locale del M5S la si strombazza ai quattro venti per giorni e giorni (vedi i casi Appendino a Torino, Raggi a Roma, Cinque a Bagheria) se invece riguarda appartenenti a formazioni politiche diverse dal M5S le notizie vengono trattate senza troppi approfondimenti sulla loro appartenenza politica.

Il M5S non sarà un esempio di democrazia interna (i vecchi partiti come Forza Italia e il Partito Democratico non hanno subito scissioni in virtù di una scarsa democrazia interna, vero?) ma da una forza politica mi attendo che governi in modo corretto e trasparente … tutto il resto è fuffa!

Appalti truccati ed escort, arrestati due sindaci in Pugliahttp://gds.it/2017/10/23/reati-contro-la-pubblica-amministrazione-arrestati-due-sindaci-in-puglia_744992/?utm_source=immediafeed&utm_medium=feed&utm_campaign=hp_sicilia

 

 

 

da fedro

Quelli del M5S il male assoluto? Ne siete proprio certi?, Riflessioni di Fedro del 22.10.2017, domenica

ottobre 22, 2017 in Noi la pensiamo così, Prima Pagina da fedro

Quelli del M5S il male assoluto? Ne siete proprio certi?, Riflessioni di Fedro del 22.10.2017, domenica

Sono stato sempre un po’ restio a credere che la stampa si presti a organizzare campagne di (dis)informazione contro qualcuno o qualcosa secondo una precisa regia di chi vuole condizionare l’opinione pubblica, e questo nonostante ritenga che molti di coloro che sono giornalisti dovrebbero dedicarsi ad altre arti e professioni.

Nel caso di ciò che sta succedendo nei confronti del M5S mi devo ricredere. Tutti i mezzi di informazione sembrano suonare all’unisono per informare l’opinione pubblica che gli attivisti del Movimento 5 Stelle sono il male assoluto perché trattasi di gente impreparata, populista, eterodiretta da una organizzazione pseudosegreta (la Casaleggio-Grillo Associati, una sorta di Spectre) e tanto altro ancora che, qualora andassero al governo, di una Regione o del Paese, al loro confronto le piaghe d’Egitto sarebbero una bazzecola.

A supportare questa tesi vengono oramai citate come una sorta di mantra le sindacature grilline di Roma, di Torino, di Bagheria e di qualsiasi altro ente in cui il vertice politico è un grillino.

Ammesso e non concesso che questi amministratori stiano operando così male, la cosa che più mi lascia perplesso è che l’interesse dei giornalisti sia concentrato soltanto su di loro, mentre sui presidenti di Regione e sui complessivi circa 8 mila sindaci italiani l’interesse mediatico non sembra valicare i confini regionali o comunali.

Possibile che solo i grillini stiano operando male?

In Sicilia, addirittura, il candidato di centrodestra fa un appello di voto utile agli elettori del centrosinistra pur di non far vincere il candidato grillino Giancarlo Cancelleri pur di non consegnare il governo della Sicilia a questi giovani sprovveduti che chissà quali sconquassi potrebbero fare dopo gli ultimi 15 anni di governo dei professionisti della politica che ci consegnano, oggi, una Sicilia della quale andare fieri sul piano dello sviluppo economico e del benessere sociale.

Ma come si fa ad appellarsi a una presunta superiorità della politica di professione quando ci si piega al fatto che i voti non puzzano (anche se ho molti dubbi a tal proposito) e, pur di vincere, si imbarcano personaggi che non si propongono per la professionalità dimostrata o la bontà del programma politico che vorrebbero realizzare, ma soltanto per la capacità di intercettare un consenso elettorale frutto di una certa spregiudicatezza dimostrata nell’amministrazione della spesa pubblica, per non dire altro?

Io non so, ma lo spero, se il candidato Cancelleri farà bene al governo della Sicilia, so per certo che centro-destra e centro-sinistra attuali non hanno alcun titolo per ritenersi più credibili nel proporsi per la guida della Sicilia per i prossimi 5 anni!

Chiudo invitando tutti, naturalmente tutti quelli che vogliono leggere per capire e non per avere conferma di ciò di cui sono già convinti, di provare a essere critici nei confronti di una certa informazione e di non accettarla in modo dogmatico … i dogmi in politica è meglio evitarli!

da fedro

Regionali Sicilia 2017, Io voto per Giancarlo Cancelleri, del 20 ottobre 2017, venerdì

ottobre 20, 2017 in Noi la pensiamo così, Politica, Prima Pagina da fedro

Regionali Sicilia 2017

Si vota il 5 novembre 2017

Io ho deciso.

Voterò per il candidato del Movimento 5 Stelle, Giancarlo Cancelleri.

Non voglio convincere nessuno.

Non voglio fare polemiche con nessuno.

Ognuno decida di votare secondo conoscenza e coscienza.

Io non sono un militante del Movimento 5 Stelle.

Ho conosciuto Giancarlo Cancelleri 5 anni fa dopo la sua elezione all’Assemblea Regionale Siciliana.

Fu l’unico capogruppo dell’ARS che accettò l’invito di uno sconosciuto presidente di una associazione onlus, me medesimo, per parlare di Sicilia e di Regione Siciliana.

Da allora ci si è incontrati di tanto in tanto e ho avuto modo di apprezzarne la serietà e la disponibilità all’ascolto e alla comprensione.

Io voterò “convintamente” Giancarlo Cancelleri e i candidati del Movimento 5 Stelle perché sono uomini e donne che non fanno la politica per professione e non devono garantirsi la rielezione a vita attraverso politiche clientelari in quanto dopo due mandati non potranno più candidarsi, e questo è una garanzia che opereranno nell’interesse della Sicilia e dei siciliani.

Sono già settimane che una campagna di stampa orchestrata ad arte ci vuole convincere che i candidati del Movimento 5 Stelle non sono diversi dagli altri politicanti e che in più sono degli sprovveduti e degli impreparati. Per la legge dei grandi numeri è possibile che tra i candidati del Movimento ci possa essere qualche opportunista, così come è possibile che i candidati del Movimento scontino una certa inesperienza, e allora? I candidati del Movimento sono persone come noi, persone qualunque animate dalla voglia di fare e con tanto buon senso frutto dell’ascolto dei tanti cittadini che hanno contribuito a elaborare il programma di governo.

Io spero che in tanti si possa esprimere un voto libero, libero da qualsiasi condizionamento.

Per una Sicilia migliore io proverò a mandare alla Presidenza della Regione Giancarlo Cancelleri.

Buon voto a tutti.

da fedro

Da un rettore mi aspetto altro, e altro ancora di Fedro riflette, del 19 ottobre 2017, giovedì

ottobre 19, 2017 in Prima Pagina, Rassegna stampa da fedro

Da un rettore mi aspetto altro, e altro ancora di Fedro riflette, del 19 ottobre 2017, giovedì

“Da Cenerentola d’Europa a principessa del Mediterraneo” è la frase che sembra aver pronunciato il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione. Fosse stata la battuta di un comune politicante senza una robusta preparazione alle spalle sarebbe potuta passare in cavalleria, ma detta da un rettore di una importante università del Sud d’Italia lascia un po’ di stucco. I confronti si dovrebbero fare prendendo un unico punto di riferimento e non cambiandoli come fu fatto alcuni anni fa per risolvere il problema dell’inquinamento da atrazina nella falda freatica della pianura padana … non venne ridotto il carico di atrazina (potente diserbante usato all’epoca) nell’acqua ma innalzato il livello legale di presenza dell’inquinante nell’acqua. Così sembra fare il nostro gentile candidato, se non possiamo essere “principessa” in Europa proviamo a esserlo nel Mediterraneo dove, probabilmente, ma questo il candidato gentile non lo dice, la ricchezza media procapite è certamente più bassa di quella dell’Europa. Vuoi vedere che all’indomani della sua elezione si vanterà di aver portato la Sicilia in testa alla speciale classifica del Mediterraneo?

Elezioni regionali, Micari: “Trasformare Sicilia da Cenerentola d’Europa a principessa del Mediterraneo … http://palermo.blogsicilia.it/elezioni-regionali-micari-trasformare-sicilia-da-cenerentola-deuropa-a-principessa-del-mediter/414382/

Il presunto “tesoro” che attende il futuro Governatore della Sicilia parte già con una chiara impronta che è stata impressa durante i governi Crocetta che hanno la responsabilità della programmazione 2014-2020 e della attuazione dei diversi interventi in questi primi tre anni del settennio. Parlare quindi di tesoro mi sembra improprio e sarà compito del nuovo Governo riuscire a recuperare il tempo perso e riuscire a chiudere il periodo di programmazione 2014-2020 utilizzando tutte le risorse a disposizione nel modo più efficace per l’economia della Sicilia.

Il «tesoro» della Sicilia: 17,6 miliardi per chi sarà il futuro Governatorehttp://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2017-10-18/il-tesoro-sicilia-176-miliardi-chi-sara-futuro-governatore-223337.shtml?uuid=AEUrL8qC

Non è nello spirito del Movimento 5 Stelle fare alleanze elettorali ma se tra Cancelleri e Fava ci potesse essere una convergenza su di un programma per la Sicilia si tratterebbe veramente di una novità politica che ci potrebbe far sperare in un reale cambiamento nell’interesse dei cittadini e non dei soliti noti.

Fava e le affinità con Cancelleri Verso un asse M5S-sinistra all’Ars  … http://livesicilia.it/2017/10/19/elezioni-regionali-sicilia-asse-fava-cancelleri-cinque-stelle-ars-candidati_898866/

 

 

da fedro

Fedro riflette, del 18 ottobre 2017, mercoledì

ottobre 18, 2017 in Prima Pagina, Rassegna stampa da fedro

Fedro riflette, del 18 ottobre 2017, mercoledì

La vicenda del produttore cinematografico americano che viene accusato di violenza sessuale da uno stuolo di attrici più o meno famose sta facendo venire alla luce un quadro inquietante della nostra società. La violenza sessuale non è soltanto una pratica che contraddistingue menti malate nelle quali si possono imbattere donne di qualsiasi età, di qualsiasi estrazione sociale e in un qualsiasi luogo delle nostre città, ma una sorta di modello comportamentale che viene adottato da tanti uomini per il solo fatto che occupano una posizione tale da poter esercitare una pressione, psicologica o fisica, su donne che con quegli uomini devono fare i conti per ottenere qualcosa (un lavoro, un incarico, una raccomandazione, superare una prova, e altro ancora).

Limitandosi all’Italia, se si vanno a guardare le statistiche dell’Istat, si scopre che la stragrande maggioranza delle violenze sessuali vengono praticate all’interno delle famiglie, dove, lasciando stare i casi di incesto e pedofilia che a mio modo di vedere sono evidenti situazioni estreme di crimini psichiatrici, il rapporto di coppia viene frainteso dai coniugi, soprattutto dall’uomo, e considerato come un diritto a poter esercitare i propri istinti sessuali senza tenere conto della disponibilità del partner. Non si parla di casi isolati ma di molti di più di quelli che la cronaca giornalistica registra e la cui quantificazione esatta è difficile da definire a causa della omessa denuncia in moltissimi casi.

Si tratta di certamente di un problema culturale dal quale però non ne usciamo con una semplice ricetta, ma con la messa in campo di una serie di azioni strutturate nel tempo che a partire dalla scuola permettano ai giovani di capire cosa è giusto e cosa è sbagliato nei rapporti di coppia e nei rapporti uomo-donna in generale (ma non mi sento di escludere anche nei rapporti omosessuali). (Suggerisco la consultazione di https://www.slideshare.net/slideistat/mgmuratore-misurare-la-violenza-contro-le-donne-un-fenomeno-complesso-in-evoluzione ).

Ben venga l’aver scoperto cosa succede in un mondo dorato come quello delle grandi produzioni cinematografiche, anche se ho il timore che tutto ciò rischia di non servire per evitare che questi episodi si possano ripetere ma per ridare luce a qualcuno o qualcuna o per interessi indicibili (dopo 20 anni si decide che è venuto il momento di dire basta? Non è un bel messaggio per chi ha subito una violenza)

Quella volta che Carrie Fisher recapitò a un produttore una lingua di mucca in un pacchetto di Tiffany per difendere l’amica molestata … http://www.huffingtonpost.it/2017/10/18/quella-volta-che-carrie-fisher-recapito-al-produttore-una-lingua-di-mucca-in-un-pacchetto-di-tiffany-per-difendere-lamica-molestata_a_23247189/

 

 

da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 18.10.2017, mercoledì

ottobre 18, 2017 in Delibere di Giunta, Prima Pagina da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 18.10.2017, mercoledì

Oggi, 18 ottobre 2017, mercoledì, alle ore 20,00 risultano pubblicate tutte le deliberazioni del 2017 fino alla numero 451 del 29 settembre 2017, venerdì.
Rispetto al precedente post del 25 settembre u.s. risultano pubblicate 12 nuove deliberazioni, datate 29 settembre.

Vediamo di che trattano le 12 delibere pubblicate.

Leggi il resto di questa voce →

da fedro

Ho incontrato uno come noi, Giancarlo Cancelleri!, 13 ottobre 2017, venerdì

ottobre 13, 2017 in Incontri, Prima Pagina da fedro

Ho incontrato uno come noi, Giancarlo Cancelleri!, 13 ottobre 2017, venerdì

 

Ammetto che anch’io ho criticato e critico alcune uscite o azioni portate avanti dai rappresentanti del Movimento 5 Stelle. Il mio profilo Facebook sta lì a dimostrarlo.

Sono sempre stato un uomo libero, una volta mi ritenevo di sinistra (quando questo termine aveva un significato), ma con il crollo del sistema dei partiti e con lo scollamento tra quel che è rimasto dei partiti e le ideologie politiche, sto abituandomi a valutare le proposte avanzate dai leader politici al di là della loro militanza ma semplicemente basandomi sulla autorevolezza e sulle sensazioni che il leader esprime.

Ieri ho incontrato un leader politico prestato alla politica.

Un leader suo malgrado in quanto gli iscritti al Movimento 5 Stelle lo hanno votato per candidarlo alla Presidenza della Regione Siciliana.

Non è la prima volta che ho incontrato Giancarlo Cancelleri nell’arco di questa legislatura.

I nostri incontri hanno sempre riguardato questioni di carattere generale relative alla Regione Siciliana e mai fatti personali.

Ho apprezzato in questi incontri la capacità di ascolto e il desiderio di capire.

Torniamo a ieri.

Ieri 12 ottobre, in una sala riunioni di un albergo palermitano, si è tenuto un incontro con un folto gruppo di dipendenti della Regione Siciliana di diverse qualifiche e di diverse appartenenze lavorative, incontro voluto da Giancarlo Cancelleri per provare a far sentire dalla sua viva voce le idee che vorrebbe realizzare se diventerà Presidente della Regione e che potranno avere un impatto sui dipendenti della Regione Stessa.

Giancarlo Cancelleri ha illustrato alcune inziative che vorrebbe realizzare, ha ascoltato le domande che gli sono state poste dai 20 dipendenti che avevano domande da fare, non solo regionali, ha risposto alle domande.

Le idee che Giancarlo Cancelleri vorrebbe realizzare riguardano un riassetto funzionale di alcuni assessorati per meglio attuare politiche sinergiche (per esempio, beni culturali e turismo), un riassetto di Irfis, Crias e Ircac in funzione di sostegno al credito per start up innovative e micro credito, taglio dei vitalizi parlamentari e diffusione degli stage anche nella pubblica amministrazione, anche regionale, e altro ancora.

Giancarlo Cancelleri ha anche parlato del modo in cui vorrebbe interpretare il rapporto con i dipendenti della Regione Siciliana, una collaborazione da pari a pari in cui fissati gli obiettivi che si vogliono raggiungere ognuno opera nella stessa direzione. Collaborazione che non si deve tradurre in una sorta di fidelizzazione o di appartenenza ma di coinvolgimento nella realizzazione di ciò che serve per creare vero sviluppo e vera economia nell’interesse della Sicilia e dei siciliani.

Le domande hanno riguardato: l’allargamento della maggioranza di governo in caso di vittoria senza maggioranza di parlamentari eletti; politiche giovanili; priorità del Governo 5 stelle nei primi 100 giorni; rinnovo contrattuale dei dipendenti sia nella componente economica ma soprattutto giuridica; disparità di trattamento tra dipendenti della Regione e quelli dell’ARS; rapporto del Movimento con i dipendenti della Regione; destino delle società partecipate; nomina dei vertici burocratici; ruolo di Sicilia digitale; incarichi a soggetti esterni all’Amministrazione e redistribuzione del personale; Fondo pensioni Sicilia e acquisto immobili regionali voluto dal governo Crocetta; composizione e ruolo degli uffici di gabinetto; valorizzazione delle risorse umane interne il cui disagio è largamente diffuso;

A tutti i temi che gli sono stati sottoposti Giancarlo Cancelleri ha fornito risposte che hanno in larga parte soddisfatto gli intervenuti, dimostrando una conoscenza delle problematiche e una reale volontà di trovare le soluzioni attraverso un confronto reale con gli operatori interni della Regione Siciliana.

Il candidato presidente che mi sono trovato davanti non mi è parso né uno sprovveduto né un impreparato al ruolo che potrebbe essere chiamato a svolgere.

Io sosterrò Giancarlo Cancelleri e mi fa piacere che ieri diversi amici, sentendolo parlare, hanno maturato la stessa decisione.

Se vogliamo cambiare veramente qualcosa.

Se vogliamo avere una chance che il governo della Regione non sia appannaggio dei soliti noti che tanto bene non hanno operato.

Se vogliamo che finalmente la Sicilia sia guidata da una squadra di governo che faccia gli interessi di tutta la Regione e non soltanto dei colleggi elettorali dei politici di professione.

Se vogliamo che gli assessorati e i dipartimenti regionali abbiano una guida stabile in grado di assicurare continuità per tutta una legislatura e di raggiungere quindi gli obiettivi di spesa e di realizzazione delle politiche pubbliche..

Se vogliamo tutto questo, credo che l’offerta elettorale ci offra con Giancarlo Cancelleri e con il Movimento 5 Stelle il meglio che al momento si possa sperare.

Io la penso così e spero che i tanti che non hanno un interesse personale nella vittoria di un candidato piuttosto che un altro, votino per ciò che è meglio per la Sicilia e per tutti i siciliani.

da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 25.09.2017, lunedì

settembre 25, 2017 in Delibere di Giunta, Prima Pagina da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 25.09.2017, lunedì

Oggi, 25 settembre 2017, lunedì, alle ore 20,00 risultano pubblicate tutte le deliberazioni del 2017 fino alla numero 440 del 18 settembre 2017, lunedì.
Rispetto al precedente post del 8 settembre u.s. risultano pubblicate 72 nuove deliberazioni, di cui 13 del 7 settembre, 17 del 12 settembre, 14 del 13 settembre, 15 del 15 settembre e 13 del 18 settembre.

Vediamo di che trattano le 72 delibere pubblicate.

Leggi il resto di questa voce →

da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 8.09.2017, venerdì

settembre 8, 2017 in Delibere di Giunta, Prima Pagina da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 8.09.2017, venerdì

Oggi, 8 settembre 2017, venerdì, alle ore 20,00 risultano pubblicate tutte le deliberazioni del 2017 fino alla numero 368 del 31 agosto 2017, giovedì.
Rispetto al precedente post del 29 agosto u.s. risultano pubblicate 7 nuove deliberazioni, tutte datate 31 agosto.

Vediamo di che trattano le 7 delibere pubblicate.

Leggi il resto di questa voce →

da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 29.08.2017, martedì

agosto 29, 2017 in Delibere di Giunta, Prima Pagina da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 29.08.2017, martedì

Oggi, 29 agosto 2017, martedì, alle ore 20,00 risultano pubblicate tutte le deliberazioni del 2017 fino alla numero 361 del 24 agosto 2017, giovedì, eccetto quelle dalla numero 353 alla 360. Rispetto al precedente post del 01 agosto u.s. risultano pubblicate 34 nuove deliberazioni, tutte datate 24 agosto.

Vediamo di che trattano le 34 delibere pubblicate.

Leggi il resto di questa voce →

da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 01.08.2017, martedì

agosto 1, 2017 in Delibere di Giunta, Prima Pagina da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 01.08.2017, martedì

Oggi, 01 agosto 2017, martedì, alle ore 20,00 risultano pubblicate tutte le deliberazioni del 2017 fino alla numero 319 del 26 luglio 2017, mercoledì. Rispetto al precedente post del 26 luglio u.s. risultano pubblicate 21 nuove deliberazioni, tutte datate 26 luglio.

Vediamo di che trattano le 21 delibere pubblicate.

Leggi il resto di questa voce →

da fedro

Leggendo quà e là e commentando!, di Fedro, del 27.07.2017, giovedì

luglio 27, 2017 in Prima Pagina, Rassegna stampa da fedro

Leggendo quà e là e commentando!, di Fedro, del 27.07.2017, giovedì

Continuo a non comprendere questa spettacolarizzazione operata dal Procuratore della Corte dei Conti della sezione siciliana. E’ di tutta evidenza una asimmetria di vedute all’interno della stessa Corte, rispetto alle quali non è detto che il procuratore alla fine abbia ragione. Il Procuratore poi paventa scenari che potrebbero non verificarsi ma che potrebbero determinare effetti sugli investitori nel settore del debito pubblico. Ferma restando l’autonomia dell’operato della magistratura contabile, è proprio necessaria questa linea mediatica?

da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 26.07.2017, mercoledì

luglio 26, 2017 in Delibere di Giunta, Prima Pagina da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 26.07.2017, mercoledì

Oggi, 26 luglio 2017, mercoledì, alle ore 20,00 risultano pubblicate tutte le deliberazioni del 2017 fino alla numero 298 del 19 luglio 2017, mercoledì. Rispetto al precedente post del 13 luglio u.s. risultano pubblicate 8 nuove deliberazioni, tutte datate 19 luglio.

Vediamo di che trattano le 8 delibere pubblicate.

Leggi il resto di questa voce →

da fedro

Pausa finita, si riprende, del 22.07.2017, sabato

luglio 22, 2017 in Post ad hoc, Prima Pagina da fedro

Pausa finita, si riprende, del 22.07.2017, sabato

Quando mi sono assentato dai social il motivo non è stato sempre determinato da periodi di vacanze o di lavoro che mi hanno impedito di dedicare del tempo alle mie rassegne stampa o alle mie introspezioni pubbliche. Alcune volte, come quest’ultima assenza dalla quale sto rientrando in questi giorni, il vero motivo è stato determinato dalla delusione.

Non nascondo, e ci sono lì le mie tante pagine create su Facebook a dimostrarlo, che la mia presenza è sempre stata finalizzata a portare avanti dei progetti, delle idee, a coinvolgere persone.

A parte l’esperienza di Regioniamo Sicilia, con le sue luci e ombre, tante iniziative che ho provato a lanciare sono fallite, e con ognuna di esse si è forse accumulata in me un po’ di delusione. Delusione che mi porta a reagire come un bambino stizzito incurante di tutte le implicazioni che un mandare a gambe all’aria un tavolo può comportare.

Piano piano sto arrivando alla consapevolezza che io posso proporre tutte le idee e i progetti che voglio, e forse non smetterò mai di farlo, ma che le persone che fanno parte della mia cerchia di relazioni devono essere libere di non condividerle o devono poter decidere di non avere il tempo e la voglia di dedicarcisi.

Ma su di una cosa non avevo riflettuto. Sul fatto che ci sono persone che in quelle cose che scrivo, in alcune di esse almeno, trovano spunti di riflessione. Nei post quotidiani di buongiorno o di riflessione notturna hanno una sorta di appuntamento. L’aver disatteso questa aspettativa, anche per un solo amico, lo considero un gesto imperdonabile da parte mia.

Mi riprometto di non cadere più in un simile comportamento.

Alle persone alle quali sono mancate le mie parole in queste settimane dico … io ci sono!

 

 

da fedro

La Sicilia si salverà! Parola dei soliti noti, di Paolo Luparello, del 21.07.2017, venerdì

luglio 21, 2017 in Noi la pensiamo così, Prima Pagina, Rassegna stampa da fedro

Sono settimane, mesi, che degli uomini di grandi vedute, degli uomini che hanno a cuore il destino della Sicilia, degli uomini mossi da sentimenti nobili e altruistici, stanno strizzandosi il cervello per provare a inventarsi un candidato dietro il quale camuffare i vecchi politici e politicanti. Di programmi neanche a parlarne, tutto è oramai stato scritto, deve soltanto trovarsi il candidato che riesca a infinocchiare il popolo votante che ancora pratica questo esercizio di democrazia che sono le elezioni.

Tanto volontariato da parte di uomini di indubbia moralità sarebbe degno di altre cause, ma si sa benissimo che se a Palazzo d’Orleans dovesse andare realmente un candidato di rottura, sostenuto da un movimento di rottura, si assisterebbe alla rottura di un giocattolino che garantisce da decenni a una comunità di esperti, consulenti, tecnici, occupapoltrone, teste di legno, parrapiccaemanciaassai, capitani d’industria denoantri, e più recentemente di eroi dell’anti-tutto, di poter campare dignitosamente.

Se a Palazzo d’Orleans dovesse andare un inquilino veramente nuovo si assisterebbe a una vera rivoluzione che costringerebbe tanta gente ad andarsi a cercare un lavoro vero. Il numero di questi mercenari della politica è talmente elevato che sembra, però, difficile che chi li ha sempre tutelati possa essere sconfitto.

Aspettiamo ancora qualche settimana!

L’arte delle nomine. Sembra facile individuare un professionista e affidargli un incarico. Ci sono voluti anni a Crocetta Saro per giungere alla raffinatezza di questi ultimi anni. Un nuovo Presidente non potrebbe rinunciare alla collaborazione di cotanto uomo, forse!

Chissà se alle prossime elezioni gli elettori premieranno questi risultati!

Ma della povertà non se ne parla nei programmi di questi “nuovi” salvatori della patria?

 

da fedro

Bella politica! Aria nuova a quando?, di Paolo Luparello, del 20.07.2017, giovedì

luglio 20, 2017 in Noi la pensiamo così, Prima Pagina, Rassegna stampa da fedro

Tanto tuonò che … non piovve! La Corte dei Conti parifica il rendiconto del bilancio 2016 è questo è quello che conta!

Non si fa in tempo a togliere un dirigente generale esterno che subito te ne piazzano un altro, a ora di nomine anche Crocetta Sarò ha le idee chiare … per tutto il resto, lasciamo perdere!

Nel PD qualcuno deve essere proprio di coccio, il presidente del Senato Pietro Grasso non ne vuole proprio sapere di candidarsi alla presidenza della Regione Siciliana, chissà perché, è una elezione vinta in partenza, no?

Interessante analisi di Crocetta Rosario che sembra un profondo conoscitore del metodo Orlando Leoluca e che vanta sondaggi incontrovertibili … va candidato assolutamente!

Noi con Regioniamo Sicilia non abbiamo certo fatto il pieno di gente ma non governiamo un Paese o una Regione …

da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 13.07.2017, giovedì

luglio 13, 2017 in Delibere di Giunta, Prima Pagina da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 13.07.2017, giovedì

Oggi, 13 luglio 2017, giovedì, alle ore 20,00 risultano pubblicate tutte le deliberazioni del 2017 fino alla numero 290 del 07 luglio 2017, venerdì. Rispetto al precedente post del 10 luglio u.s. risultano pubblicate 4 nuove deliberazioni, tutte datate 07 luglio.

Vediamo di che trattano le 4 delibere pubblicate.

Leggi il resto di questa voce →

da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 10.07.2017, lunedì

luglio 10, 2017 in Delibere di Giunta, Prima Pagina da fedro

La Giunta di Governo delibera, del 10.07.2017, lunedì

Oggi, 10 luglio 2017, lunedì, alle ore 20,00 risultano pubblicate tutte le deliberazioni del 2017 fino alla numero 286 del 04 luglio 2017, martedì. Rispetto al precedente post del 30 giugno u.s. risultano pubblicate 32 nuove deliberazioni, tutte datate 04 luglio.

Vediamo di che trattano le 32 delibere pubblicate.

Leggi il resto di questa voce →

da fedro

Una rivoluzione? Forse è il momento., di Fedro, del 10.07.2017, lunedì

luglio 10, 2017 in Noi la pensiamo così, Prima Pagina da fedro

Una rivoluzione? Forse è il momento., di Fedro, del 10.07.2017, lunedì

Il Movimento 5 Stelle ha scelto. Giancarlo Cancelleri sarà il loro candidato alla presidenza della Regione Siciliana alle prossime elezioni regionali che si terranno il 5 novembre. Gli altri schieramenti, invece, cercano ancora un candidato in grado di intercettare il consenso popolare per consentire loro di continuare il non governo della Sicilia e la perdita di altre occasioni di sviluppo.
Quello di cui la Sicilia ha bisogno è un Governo che non sia il frutto di mediazioni, che non sia diviso tra tensioni territoriali e lobbies di riferimento, che duri tutta una legislatura e faccia quello che ha previsto nel programma, qualunque esso sia, che ridia fiducia nella politica che si occupa del bene comune, che interrompa almeno per un legislatura la continuità che c’è stata nel sottobosco governativo e che è stata anche causa delle macerie che stanno sotto gli occhi di tutti.
Il Movimento 5 Stelle ha un’occasione unica e forse irripetibile per realizzare tutto ciò, anche se siamo in Sicilia.
Guardando al panorama politico regionale e nazionale, e ai soliti noti che provano a continuare a galleggiare, non si può che guardare con simpatia a questa avventura del Movimento 5 Stelle in Sicilia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi