Il cenacolo letterario, ovverosia se un libro può cambiare la vita, forse salvarla!, di Paolo Luparello, del 21 gennaio 2019, lunedì

Gennaio 21, 2019 in Ci aiutate?, Prima Pagina

Quattro amici al bar con l’idea di fare qualcosa. Niente a che fare con i massimi sistemi, soltanto la voglia di condividere una propria comune passione. Soltanto il desiderio di trasferire ad altri il piacere della lettura e dell’essere testimoni di tante vite e di tante storie.

Chi non legge non sa così si perde e probabilmente non lo saprà mai.

Leggere è un dono.

Significa ascoltare. Significa osservare in silenzio lo scorrere della vita senza limite di spazio e di tempo. Significa sapersi estraneare dalla quotidianità. Significa saper stare da soli. Significa saper fantasticare, immaginando luoghi e personaggi. Significa immedesimarsi nella trama e godere della capacità dell’autore di far ridere e di far piangere. Significa conoscere e non stancarsi mai di farlo.

Tra il lettore e il libro si instaura un rapporto e può capitare che dopo aver letto un libro nulla sia più come prima. Si può trovare la voglia di cambiare, di lanciarsi in una avventura, di rivedere la propria visione del mondo o soltanto del proprio orticello.

Noi abbiamo deciso che è un peccato tenere soltanto per noi l’emozione provata nel leggere un libro. Vogliamo raccontare le sensazioni che abbiamo provato e se quella lettura ha cambiato qualcosa nella nostra vita.

E’ questo ciò che abbiamo deciso di fare, raccontarci attraverso le nostre letture.

Anche un solo convertito alla lettura sarà per noi un successo. E se anche non riuscissimo a convertire nessuno sarà comunque un bel viaggio.

Al prossimo incontro.

Per saperne di più scrivi ad associazione@perchenosicilia.org

Leggi! No? Allora corri! Forse è meglio che leggi!, di Paolo Luparello

Gennaio 11, 2019 in Eventi, Prima Pagina

Mens sana in corpore sana. Anch’io come tanti ho utilizzato questa citazione ma soltanto recentemente mi sono reso conto che la pratico pure. Sono un maratoneta ancora attivo e continuo a leggere con piacere. Mi piacerebbe che queste mie passioni fossero condivise con quante più persone possibile ma mi rendo conto che per entrambe queste due attività è un problema di volontà, e nel caso della corsa anche di salute. Ma se non riuscirò a convincere nessuno dei miei amici e conoscenti a diventare un maratoneta, spero almeno di conquistarlo alla lettura, attività che può espletarsi anche in modalità sedentaria e con a disposizione ogni genere di confort.

Insieme ad alcuni amici stiamo immaginando di conquistare alla lettura qualche “non leggente” con una iniziativa il cui nome provvisorio è “Un libro può cambiare la vita!”. Noi proveremo a farvi innamorare dei libri che ci hanno cambiato la vita e cerchiamo amici disposti a unirsi a noi con la loro esperienza di lettura e con i libri che hanno cambiato loro la vita.

C’è un libro che ami e che puoi ritenere ti abbia cambiato la vita?

Fatti sentire. Scrivici presso associazione@perchenosicilia.org e ti faremo parte del progetto.

Per una comunità colta e pensante, leggi!

Prossimo incontro lunedì 14 gennaio, a Palermo, a partire dalle 17,30!

Ma se proprio non ti va di leggere, guarda il video che ho prodotto … e magari ti convincerai che forse è meglio leggere!

“Un libro può cambiare la vita?”, di Paolo Luparello, 07.01.2019, lunedì

Gennaio 7, 2019 in Eventi, Prima Pagina

Poco più di tre anni fa ero alle prese con l’idea che poi si è trasformata in Regioniamo Sicilia, chissà dove approderà questa nuova idea che ha l’obiettivo di far voglia di leggere, di apprezzare la parola scritta, meditata, la parola che affabula e ti costringe ad andare avanti nella trama del libro che hai tra le mani. Tre anni fa cominciammo in due, questa volta siamo in 4 ma saremmo potuti essere 10 se per motivi vari alcuni non hanno potuto essere presenti.

Abbiamo parlato del nostro comune amore per la lettura e per i libri. Ho illustrato le prime tracce del progetto. Come sempre succede tra persone che hanno voglia di costruire, e che hanno una comune passione, sono venute fuori altre idee, tutte bellissime e intriganti.

La traccia sulla quale dovremo lavorare riguarda il coinvolgimento di lettrici e lettori che amano un libro e che sono disposti a venirci a raccontare cosa ne apprezzano facendo venire la voglia di leggerlo a chi li ascolterà. Ogni lettore, con il libro che ama, sarà il protagonista di un incontro nel corso del quale parlerà del libro in compagnia di altri lettori che lo hanno letto e con i quali si stabilirà un dialogo serrato intermezzato dalla lettura di alcuni brani e da altre incursioni “artistiche”. Gli incontri saranno interamente ripresi e dagli stessi si produrrà un breve video promozionale. Questo per quanto riguarda il “format”, poi c’è da lavorare sulla organizzazione del progetto (chi fa che cosa) e sulla produzione di alcuni contributi sul come si legge e sul perchè leggere fa bene.

Abbiamo deciso di aggiornarci tra una settimana in modo che ciascuno di noi abbia il tempo per metabolizzare quello che ci siamo detti e le idee che abbiamo esposto.

Ma per adesso basta così, il seguito a lunedì prossimo, 14 gennaio, lunedì, sempre a partire dalle 17,30. Dove? Scrivi ad associazione@perchenosicilia.orge ti segnaleremo dove si svolgerà il secondo incontro di “Un libro può cambiare la vita?”, ma potrebbe anche essere “Un libro può salvare la vita?”, ma potrebbe essere anche un altro … se leggere è la tua passione.

Grazie ad Adele, ad Agostino e a Totò che a questo primo incontro hanno già fatto accendere i motori dell’entusiasmo!

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi