Pronta la class actions per il viadotto della A19 crollato? di Massimo Greco, del 14.04.2015, martedì

aprile 14, 2015 in Contributo

Ricevo e volentieri divulgo la riflessione dell’amico Massimo GrecoMASSIMO-GRECO-350

Pronta la class actions per il viadotto della A19 crollato?

di Massimo Greco

Mi chiedo cosa stiano aspettando le Associazioni dei consumatori nazionali e regionali a promuovere una o più class actions contro l’ANAS per i gravissimi danni che quotidianamente subiscono contribuenti, utenti, consumatori e cittadini tutti a seguito della chiusura dell’autostrada Palermo-Catania. I diritti individuali omogenei dei consumatori e degli utenti nonché gli interessi collettivi sono infatti tutelabili anche attraverso l’azione di classe, secondo le previsioni di cui all’art. 142-bis del Codice del Consumo. A tal fine ciascun componente della classe, anche mediante Associazioni cui dà mandato o comitati cui partecipa, può agire per l’accertamento della responsabilità e per la condanna al risarcimento del danno e alle restituzioni.
L’azione di classe ha per oggetto l’accertamento della responsabilità dell’ANAS e la condanna al risarcimento del danno e alle restituzioni in favore degli utenti consumatori.

L’ANAS, in quanto ente che ha in concessione dallo Stato l’autostrada A19, avrebbe dovuto prevenire un siffatto evento inserendo nella periodica programmazione degli interventi strutturali quelle opere di presidio idrogeologico necessarie per arginare una frana che non solo non risultava affatto imprevedibile ma che, al contrario, era stata diagnosticata e monitorata da diversi anni. In tale contesto, l’elemento della culpa in vigilando, necessario a saldare la connessione trifasica tra condotta, evento e danno, è tanto evidente quanto tristemente reale.

Mi auguro che questa volta i siciliani (e non solo loro), già puniti dalla cronica assenza di infrastrutturazione ferroviaria alternativa a quella stradale, non si accontentino delle annunciate dimissione del Dott. Ciucci che, ancorchè dovute, non servono certo a ristorare gli enormi danni individuali e collettivi causati.

 

Massimo Greco, Riforma delle Province. La Corte Costituzionale “benedice” la “legge Delrio”. In Sicilia è rischio caos, del 31.03.2015, martedì

marzo 31, 2015 in Rassegna stampa

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo

 

“Riforma delle Province. La Corte Costituzionale “benedice” la “legge Delrio”. In Sicilia è rischio caos”

 

“La recente sentenza della Corte Costituzionale n. 50 di marzo 2015 ha affermato la legittimità della riforma dell’ente intermedio delle Regioni a statuto ordinario più comunemente conosciuta con il nome di “legge Delrio”.
Alcuni dei principi ivi contenuti incidono certamente anche sul completamento della riforma in corso nella Regione Siciliana. La Corte Costituzionale, facendo salva l’elezione di 2° grado degli organi di governo e confermando alcuni suoi precedenti in materia, ritiene infondata la paventata lesione della sovranità popolare quale elemento costitutivo dell’ente locale Provincia.” (…)

 

MASSIMO-GRECO-350

Massimo Greco, L’impegno politico non è una professione ma richiede professionalità, del 25.03.2015, mercoledì

marzo 25, 2015 in Rassegna stampa

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo

 

“L’impegno politico non è una professione ma richiede professionalità”

 

“Voglio che attraverso una sorveglianza attiva sia repressa l’infedeltà e venga garantito l’impiego dei fondi pubblici”

(Napoleone – settembre 1807)

 

“Impregiudicata ogni valutazione sugli eventuali benefici di carattere finanziario ed economico che deriverebbero dall’appartenenza del nostro Paese all’Unione Europea, un elemento pedagogico di positività è certamente da individuare nei mutanti comportamenti dei cittadini italiani chiamati, ex art. 54, comma 2, Cost., ad esercitare le funzioni pubbliche loro affidate.”

 

MASSIMO-GRECO-350

Massimo Greco, Stop della Corte Costituzionale ai Funzionari della P.A. con incarichi dirigenziali, del 19.03.2015, giovedì

marzo 19, 2015 in Rassegna stampa

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo

Leggi il resto di questa voce →

Massimo Greco, Microregione, area metropolitana o comprensorio? Brevi riflessioni sul progetto di area vasta dei territori di Enna e Caltanissetta, del 02.03.2015, lunedì

marzo 2, 2015 in Rassegna stampa

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo…

Leggi il resto di questa voce →

Massimo Greco, Sindaci contro Sindaci per la gestione dei rifiuti in Sicilia, del 27.02.2015, venerdì

febbraio 27, 2015 in Rassegna stampa

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo…

Leggi il resto di questa voce →

In Sicilia troppa trasparenza nuoce alla Costituzione, di Massimo Greco, del 08.02.2015, domenica

febbraio 8, 2015 in Noi la pensiamo così, Prima Pagina

Qualche tempo fa avevo chiesto al nostro amico e collega, nonchè cultore del diritto, Massimo Greco una sua valutazione sulla norma regionale che dispone, pena nullità, la pubblicazione dei decreti dirigenziali entro 48 ore dalla loro adozione. Come è nel costume di Massimo ne è venuto fuori un articolo degno di nota e che spero possa essere utile ai tanti colleghi. Grazie Massimo!

In Sicilia troppa trasparenza nuoce alla Costituzione

di Massimo Greco (*)

Nella Sicilia di Pirandello – Uno, nessuno e centomila -, inutile ricordarlo, si passa quotidianamente da un eccesso all’altro. La recente elezione alla Presidenza della Repubblica del siciliano Sergio Mattarella ne rappresenta l’ennesima conferma. Ma, ahimè, le conferme arrivano puntuali anche sul versante opposto, quello delle “male fatte”. Le politiche pubbliche regionali degli ultimi anni sono infatti da annoverare in quell’ambito nebuloso e grigiastro che impregna la qualità della vita in Sicilia.MASSIMO-GRECO-350

Leggi il resto di questa voce →

Massimo Greco, sull’ipotesi di aggregare le aree interne della Sicilia, del 28.01.2015, mercoledì

gennaio 28, 2015 in Rassegna stampa

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo…

Da “L’esperto risponde” de “Il Caleidoscopio delle Madonie”

“Mentre la Regione non decide la sorte delle ex province, Enna e Caltanissetta guardano ad un progetto comune. Un Consorzio di Aree Interne potrebbe essere la risposta concreta alle esigenze delle comunità” (…)

Leggi il resto di questa voce →

Massimo Greco, L’approvazione della TARI in Sicilia, del 26.01.2015, lunedì

gennaio 26, 2015 in Rassegna stampa

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo…

Leggi il resto di questa voce →

Massimo Greco, sulla riduzione del numero dei Consiglieri nei piccoli Comuni della Sicilia, del 12.01.2015, lunedì

gennaio 12, 2015 in Rassegna stampa

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo … 

 

Da “L’esperto risponde” de “Il Caleidoscopio delle Madonie”

La riduzione del numero dei Consiglieri nei piccoli Comuni della Sicilia è un beneficio per i contribuenti. L’importante ruolo Istituzionale dei consessi non si arresterebbe

Leggi il resto di questa voce →

Massimo Greco, Chiusura della prefettura di Enna. La protesta non convince, del 29.12.2014, lunedì

dicembre 29, 2014 in Rassegna stampa

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo … 

 

“Chiusura della prefettura di Enna. La protesta non convince”

( http://meridionews.it/articolo/30522/la-protesta-tardiva-di-enna/ )

 

“Una strategia difensiva del territorio alquanto bizzarra se si considera che è passata in silenzio la soppressione della Provincia e della Camera di Commercio”

 

MASSIMO-GRECO-350

 

Massimo Greco, Progetto estensione confini provincia Enna si allontana, del 03.11.2014, lunedì

novembre 3, 2014 in Rassegna stampa

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo … 

“Progetto estensione confini provincia Enna si allontana”

(  http://www.vivienna.it/2014/10/31/progetto-estensione-confini-provincia-enna-si-allontana/)

“Mentre Capizzi respinge la proposta avanzata dal consiglio comunale di aderire al libero consorzio di Enna e Mistretta sospende la procedura attivata in attesa che l’ARS decida come completare il processo di riforma dell’ente intermedio, il progetto di estendere i confini della provincia di Enna sembra allontanarsi. Ne parliamo con Massimo Greco che oltre ad avere seguito da Presidente del consiglio provinciale tutta la vicenda, se ne sta occupando da studioso attraverso uno specifico progetto di ricerca all’Università Kore di Enna.”

 

MASSIMO-GRECO-350

Crocetta non conosce lo Statuto regionale e non solo lui!, del 26.10.2014, domenica

ottobre 26, 2014 in Contributo

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un contributo dell’amico Massimo Greco a proposito del fatto che il tetto retributivo dei dirigenti della Regione Siciliana non può essere inferiore a quello dei dirigenti dello Stato … per leggerlo clicca su … http://liberamente-enna.it/il-tetto-retributivo-dei-dirigenti-della-regione-siciliana-non-puo-essere-inferiore-a-quello-dei-dirigenti-dello-stato.php

MASSIMO-GRECO-350

Massimo Greco, Riforma delle Province in Sicilia: un fallimento annunciato, del 29.09.2014

settembre 29, 2014 in Rassegna stampa

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo …  

“Riforma delle Province in Sicilia: un fallimento annunciato”

 “All’indomani della scadenza del termine ultimo stabilito dalla riforma siciliana dell’ente intermedio per la costituzione di nuovi “Liberi” Consorzi di comuni in aggiunta a quelli esistenti e coincidenti con le vecchie Province regionali, il bilancio è palesemente fallimentare. Pochissimi sono infatti i Comuni che hanno deliberato il distacco dai Consorzi di comuni d’appartenenza e/o dalle individuate Città metropolitane.”

 

 

MASSIMO-GRECO-350

Massimo Greco, Nebbia fitta sulla gestione del “piano giovani” siciliano, del 03.09.2014, mercoledì

settembre 3, 2014 in Rassegna stampa

 

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo …  

“Nebbia fitta sulla gestione del “piano giovani” siciliano” 

 

 

MASSIMO-GRECO-350

 

 

La vicenda della gestione del “piano giovani” e del connesso “click-day”: un “fare politico” che non riesce più ad incanalarsi sui binari del buon governo

 

 

Una riflessione dell’amico Massimo Greco su ‘Il “Piano Giovani” per obbligo istituzionale andava affidato alla società e-Servizi, non esternalizzato ad Italia Lavoro. L’operazione non è legittima e si profila il danno erariale’, del 12.08.2014

agosto 12, 2014 in Contributo

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo …

 

‘Il “Piano Giovani” per obbligo istituzionale andava affidato alla società e-Servizi, non esternalizzato ad Italia Lavoro. L’operazione non è legittima e si profila il danno erariale’

( http://www.ilcaleidoscopio.info/Notizie_il_piano_giovani_obbligo_istituzionale_andava_affidato_alla_societ__e_servizi_non_esternalizzato_ad__italia_lavoro_l_operazione_non___legittima_e_si_profila_danno_erariale?idNews=def72e7b-04cb-4825-ae99-4e295cb9dfa5#.U-m8SuOqlgt )

 

“Neanche la calda estate siciliana riesce ad assopire le polemiche settimanali che infiammano l’agire politico ed amministrativo del Governo Crocetta. La vicenda della gestione del “Piano Giovani” e del connesso “click-day” rappresenta la cartina al tornasole di un “fare politico” che non riesce più ad incanalarsi sui binari del buon governo…”

 

MASSIMO-GRECO-350

Sul terzo condono edilizio Crocetta sfida il CGA, del 30.06.2014, lunedì

giugno 30, 2014 in Contributo

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo …

 

“Sul terzo condono edilizio Crocetta sfida il CGA”

 

“Sulle modalità di applicazione del terzo condono edilizio in Sicilia, introdotto dal legislatore regionale con la l.r. n. 15/2004, il Governo Crocetta sembra determinato a sfidare il massimo organo della giustizia amministrativa che sulla questione con parere n. 1140 del 19/02/2013, ha interpretato estensivamente il complesso articolato delle disposizioni vigenti in materia. L’Assessore Reg.le ai BB. CC., dopo uno specifico approfondimento giuridico di cui si sconoscono le argomentazioni, ha infatti revocato la precedente Circolare n. 2/2014 attraverso la quale il Dipartimento aveva inteso adeguarsi all’indirizzo del CGA, rimandando la questione in ordine all’ammissibilità della sanatoria edilizia di abusi realizzati in aree vincolate ai Comuni e alle Soprintendenze….”

 

MASSIMO-GRECO-350

Massimo Greco, Il declassamento dell’ente intermedio siciliano non sarà indolore

giugno 7, 2014 in Contributo

Riceviamo dall’amico Massimo Greco e divulghiamo …

“Segnalo il link della mia quinta riflessione su uno dei nodi della riforma dell’ente intermedio in Sicilia

“ Il declassamento dell’ente intermedio siciliano non sarà indolore”

per leggerlo clicca QUI

MASSIMO-GRECO-350

 

Una riflessione dell’amico Massimo Greco sulla sentenza della Cassazione che conferma le condanne inflitte dalla Corte dei Conti a 17 parlamentari dell’ARS, del 02.06.2014, lunedì

giugno 2, 2014 in Post ad hoc

 

Riceviamo e volentieri segnaliamo una riflessione dell’amico Massimo Greco

 

“Servizio 118: confermata in Cassazione la condanna per danno erariale a 17 parlamentari dell’Ars”

 

( http://www.linksicilia.it/2014/05/servizio-118-confermata-in-cassazione-la-condanna-per-danno-erariale-a-17-parlamentari-dellars/ )

 

Se un tempo l’impegno in politica era notoriamente più gratificante e ben remunerato, da qualche anno la scelta di entrare in campo nell’arena delle istituzioni pubbliche, ancorché attraverso un’investitura popolare, fa riflettere sempre più. Non solo perché compensi, benefit e indennità di amministratori locali e di parlamentari sono stati ridotti all’insegna dell’antipolitica, così come sono stati ridotti sensibilmente gli spazi di discrezionalità prima riconosciuti ai gruppi politici dotati di budget, ma soprattutto perché il controllo dell’Autorità Giudiziaria è diventato sempre più incisivo (…)

 

MASSIMO-GRECO-350

Una riflessione dell’amico Massimo Greco sui balzelli che stressano i cittadini, del 29.05.2014, giovedì

maggio 29, 2014 in Post ad hoc

 

Riceviamo e volentieri segnaliamo una riflessione dell’amico Massimo Greco

 

“Un balzello che somiglia tanto ad un truffa”

 

“Che le famiglie italiane fossero particolarmente esposte ad un’asfissiante pressione fiscale e tributaria è un fatto noto a tutti, ma che tra i numerosi enti del policentrismo esasperato che caratterizza il nostro ordinamento si celassero anche soggetti non meglio identificati con tanto di carte bollate e notificate, stentavamo a crederci…

( http://liberamente-enna.it/un-balzello-che-somiglia-tanto-ad-un-truffa.php )

 

MASSIMO-GRECO-350

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi