“La Trasparenza fulcro dell’azione amministrativa?”, Palermo 4 luglio 2018, del 29.06.2018 venerdì

Giugno 29, 2018 in Eventi

Prima Giornata della Trasparenza del 2018

 

 

 

“La Trasparenza fulcro dell’azione amministrativa?”

 

 

 

Aula Magna della Facoltà di Giurisprudenza,
Via Maqueda, n. 172,
dalle ore 09,00 alle ore 14,00

Brochure

 

Seconda giornata della Trasparenza del 2017. “La percezione della ‘trasparenza’ tra bulimia normativa e ritardi culturali” – Palermo, 27 novembre 2017, del 23.11.2017, giovedì

Novembre 23, 2017 in Eventi

Riceviamo e divulghiamo

 

 

 

 

Seconda giornata della Trasparenza del 2017

 

 La percezione della trasparenza tra bulimia normativa e ritardi culturali

 

Auditorium dell’Assessorato Territorio e Ambiente
Via Ugo La Malfa, 169
27 novembre 2017, dalle 0re 09,30 alle ore 14,00
Per saperne di più…. Brochure

 

 

 

Terza Giornata della Trasparenza del 2016. “Misure di contrasto e di prevenzione della corruzione – Foia e diritto di cittadinanza” – Trapani, 17 novembre 2016, del 03.11.2016, giovedì

Novembre 3, 2016 in Eventi

Riceviamo e divulghiamo

 

Terza giornata della trasparenza 2015

 

“Misure di contrasto e di prevenzione della corruzione – Foia e diritto di

cittadinanza”

 

17 novembre 2016

Aula Magna “Giovanni Tranchina” del Polo Universitario di Trapani

Lungomare Dante Alighieri n. 2/4

dalle ore 10,00 alle ore 14,00

 

 

 

Seconda Giornata della Trasparenza del 2015 – Palermo, 30.11.2015 – “Codice di comportamento dei pubblici dipendenti e regime sanzionatorio – Legge 190/2012 e decreti attuativi – Amministrazioni a confronto”, del 26.11.2015, giovedì

Novembre 26, 2015 in Eventi

 

SECONDA GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2015

 

 

“Codice di comportamento dei pubblici dipendenti e regime sanzionatorio – Legge 190/2012 e decreti attuativi – Amministrazioni a confronto”

 

30 novembre 2015

 

 

Sala Magna di Palazzo Chiaramonte Steri
Piazza Marina n. 61
dalle ore 09,00 alle ore 14,00

 

Per saperne di più … Giornata della Trasparenza 30112015

Prima giornata della trasparenza 2015, La segnalazione degli illeciti nella P.A.: l’istituto del Whistleblowing, del 05.06.2015, venerdì

Giugno 5, 2015 in Eventi

PRIMA GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2015

 

La segnalazione degli illeciti nella P.A.: l’istituto del Whistleblowing

 

19 giugno 2015

 

Villa Malfitano Whitaker
via Dante 167 – Palermo
dalle ore 8,30 alle ore 14,00
Per saperne di più … 1^ Giornata della trasparenza

Eventi, del 07.11.2014, venerdì

Novembre 7, 2014 in Eventi

Dal Sito del Dipartimento della Funzione Pubblica e del Personale

Terza giornata della trasparenzalabirinto

L’Amministrazione regionale siciliana celebra la terza Giornata della Trasparenza promuovendola in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Palermo, con un seminario che si terrà il 28 novembre presso l’Auditorium del Dipartimento dell’Ambiente via Ugo La Malfa 169 dalle ore 09,00 alle 14,00.
La terza Giornata della Trasparenza costituisce un appuntamento di particolare rilievo per fare il punto sulle misure attuate e da attuare in tema di trasparenza e di integrità e per approfondire, anche con una prospettiva comparativa con gli Enti Locali, le varie questioni concernenti tale delicato e cruciale tema.

 

Perchè no… controlla il Governo!, del 22.09.2014, lunedì

Settembre 22, 2014 in Delibere di Giunta

 

Da LiveSicilia apprendiamo che la Giunta Crocetta si è riunita e che ha deliberato …sholmes

… il sì del governo alla riforma della Formazione targata Nelli Scilabra. L’esecutivo ha approvato infatti stasera il ddl proposto dall’assessore e che dovrebbe cambiare volto al settore. Un testo di 37 articoli …

… il nuovo sistema di gestione del Piano giovani

… La legge “salva Montalbano”

… Sanità, revoca per i “manager pensionati”

Le cui delibere vedremo presto pubblicate nel sito web istituzionale della Giunta!

Sul sito pubblicata la delibera …

252

18/09/2014

Revoca della deliberazione della Giunta regionale n.241 del 27 agosto 2014, limitatamente alla parte in cui viene conferito l’incarico di Dirigente generale del Dipartimento regionale del lavoro, dell’impiego, dell’orientamento, dei servizi e delle attività  formative al dott. Oieni Lucio, dirigente di terza fascia dell’Amministrazione regionale, e conferimento incarico di Dirigente generale ad interim dello stesso Dipartimento al dott. Cartabellotta Dario.

presidenza

Perchè no… controlla il Governo!, del 16.09.2014, martedì

Settembre 16, 2014 in Delibere di Giunta

Alle 22,25 del 16 settembre 2014 l’ultima delibera pubblicata risulta essere la 246 del 09.09.2014 …

Gli uffici della Amministrazione regionale sono letteralmente tempestati di obblighi e adempimenti in materia disholmestrasparenza, e non solo,  … cosa buona e giusta se ciò fosse affidato a un ufficio a ciò deputato e non gravassero sugli stessi uffici che producono gli atti!

L’ultima ciliegina è stata l’articolo 68 della L.r. 21 del 2014 che impone la pubblicazione sul sito web istituzionale tutte le delibere della Giunta di governo e tutti i decreti dirigenziali entro 48 ore dalla loro emissione … vediamo se la Giunta rispetterà il dettato normativo …

Formazione, giunta approva delibera per i nuovi corsi: “Stop a gettone per i ragazzi” … vedremo le delibere della Giunta entro 48 ore? Si dovrebbe trattare di più delibere …

“ … il piano per garantire i corsi di formazione per l’annualità 2014-2015. Stanziati 150 milioni di euro, … “

“ … lo schema di avviso pubblico e criteri per la manifestazione di interesse alla concessione, da parte della Regione siciliana, di un sostegno economico sotto forma di contributo ad enti, fondazioni, associazioni etc; …”

“… i criteri e le modalità per l’individuazione di Comitati, Commissioni, Consigli, Collegi operanti all’interno dell’Amministrazione regionale ritenuti non indispensabili. Entro 15 giorni gli assessori Regionali dovranno far pervenire un elenco ricognitivo completo, ciascuno per il proprio ramo di amministrazione, degli organi collegiali di cui al comma 1 dell’art. 7 della legge regionale 21 del 12 agosto 2014 prevedendo contestualmente, l’individuazione degli organismi per i quali si propone la soppressione, la riduzione o eliminazione dei costi. …”

“… Via libera anche alla rimodulazione degli assetti organizzativi di alcuni Dipartimenti regionali. …”

Regione Siciliana, Legiferare ai tempi della rivoluzione, del 08.09.2014, lunedì

Settembre 8, 2014 in Noi la pensiamo così

La Legge regionale 12 agosto 2014, n. 21. “Assestamento del bilancio della Regione per l’anno finanziario 2014. Variazioni al … Disposizioni varie”,  all’art. 68. (“Norme in materia di trasparenza e di pubblicità dell’attività amministrativa”) dispone … giufa

  1. (Comma omesso in quanto impugnato dal Commissario dello Stato ai sensi dell’art. 28 dello Statuto).

  2. È fatto obbligo di pubblicare nel sito internet della Regione siciliana per esteso, compresi gli eventuali allegati, entro le successive 48 ore dall’approvazione, termine perentorio, le deliberazioni della Giunta regionale.

  3. L’atto produce effetti dalla sua pubblicazione che deve comunque avvenire entro cinque giorni, pena la sua nullità.

  4. I decreti presidenziali e i decreti assessoriali, contemporaneamente alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana, devono essere per esteso pubblicati nel sito internet della Regione siciliana.

  5. I decreti dirigenziali devono essere pubblicati per esteso nel sito internet della Regione siciliana. La non pubblicazione entro le successive 48 ore dalla data di emissione, temine perentorio, oltre che essere ragione di nullità dell’atto, (Inciso omesso in quanto impugnato dal Commissario dello Stato ai sensi dell’art. 28 dello Statuto).

  6. (Comma omesso in quanto impugnato dal Commissario dello Stato ai sensi dell’art. 28 dello Statuto).

  7. (Comma omesso in quanto impugnato dal Commissario dello Stato ai sensi dell’art. 28 dello Statuto).

  8. (Comma omesso in quanto impugnato dal Commissario dello Stato ai sensi dell’art. 28 dello Statuto).

  9. (Comma omesso in quanto impugnato dal Commissario dello Stato ai sensi dell’art. 28 dello Statuto).

  10. (Comma omesso in quanto impugnato dal Commissario dello Stato ai sensi dell’art. 28 dello Statuto).

Tutto chiaro … vero? Per quanto mi riguarda no!

Apprezzo che adesso, comma 2, la Giunta dovrà pubblicare le proprie deliberazioni entro 48 ore dalla loro approvazione, chissà come faranno visti gli attuali tempi di pubblicazione, ma per i restanti articoli ammetto la mia difficoltà a capire … poi il comma 5 è proprio superbo … il legislatore siciliano ha toccato vette inusitate! Non vorrei essere nei panni degli uffici dell’Amministrazione regionale che dovrà predisporre una circolare attuativa … perché una circolare attuativa ci vorrà!

Regione Siciliana, chi paga 1500 € per il diritto negato?, del 17.06.2014, martedì

Giugno 17, 2014 in Lo hanno detto a noi

Regione Siciliana, chi paga 1500 € per il diritto negato?

di Paolo Luparello

Si tagliano le spese per il funzionamento degli uffici. Si tagliano quelle per le politiche sociali. Si taglia tanto altra ancora, eppure si riesce a dover pagare 1.500 euro di spese di giudizio per non aver consentito l’accesso agli atti a un dirigente della Regione che chiedeva soltanto di conoscere le “carte” sulla base delle quali altri le erano stati preferiti nell’affidamento di un incarico dirigenziale.

Nell’era della trasparenza e della “total disclosure” e soprattutto nell’era del Governo Crocetta, quelli che sembravano essere diritti minimi garantiti esercitabili previa semplice istanza o attraverso l’Ufficio per la Relazioni con il Pubblico li si è dovuti esercitare previo ricorso al Giudice Amministrativo.

Il dirigente in questione ha dovuto fare ricorso al TAR Sicilia per poter accedere alle “carte” e il TAR gli ha dato ragione con la sentenza 876/2014 (per leggere la sentenza clicca QUIhttp://goo.gl/J3ucBU).

A fronte della richiesta di accesso agli atti, l’Assessorato alle Attività produttive della Regione Siciliana ha respinto con nota formale l’istanza diretta ad avere copia degli atti relativi al procedimento di nomina agli incarichi dirigenziali del dipartimento delle attività produttive e avverso a tale nota è stato presentato ricorso. Si è costituita l’Avvocatura dello Stato sostenendo che l’amministrazione “correttamente” non avrebbe accolto l’istanza di accesso presentata dalla ricorrente, in assenza della dimostrazione dell’interesse che legittimerebbe l’accesso richiesto … come se un partecipante a una qualsiasi selezione, specialmente se da parte della Pubblica Amministrazione, non avesse diritto a conoscere le motivazioni che hanno condotto alla scelta.

Il TAR Sicilia ha ritenuto la tesi della difesa erariale non condivisibile, mentre la domanda articolata dalla ricorrente è stata ritenuta fondata.

Il giudice ha ritenuto del tutto incomprensibile la risposta dell’amministrazione secondo la quale l’istanza sarebbe diretta a verificare la trasparenza dell’amministrazione nell’assegnazione delle dirigenze ed il rispetto dell’iter di comparazione”, ed in quanto tale non accoglibile.

Sempre il giudice ha affermato nella sentenza che … “… E’ chiaro che l’istanza è diretta a verificare la correttezza delle operazioni di selezione; ma è altrettanto chiaro che coloro che hanno partecipato alla selezione – senza conseguire l’esito sperato – hanno il diritto di effettuare tale verifica, al fine di potere valutare l’opportunità di attivare strumenti a tutela della propria posizione. …”

Conclude il giudice che … “… il ricorso è fondato e deve essere accolto e per l’effetto dichiarato illegittimo il provvedimento impugnato, nonchè il silenzio sull’istanza del ricorrente, serbato dall’Assessorato delle Attività Produttive, ed ordinata a detta amministrazione l’esibizione degli atti richiesti con le istanze di accesso della ricorrente – previo espletamento degli adempimenti normativamente previsti – entro il termine di trenta giorni dalla comunicazione della presente decisione, ovvero dalla sua notificazione ad istanza di parte.

Le spese del giudizio seguono la soccombenza e vengono liquidate come da dispositivo. …”

Ma di fronte a un funzionario che fa valere le proprie ragioni quanti sono quelli che preferiscono tacere e rassegnarsi a un andazzo che fa strame dei diritti e delle leggi?

Di fronte a una così palese illegittimità questa volta qualcuno sarà chiamato a pagare … il cittadino contribuente, non certo però chi si è opposto all’esercizio di un sacrosanto diritto! Ma se ci si comporta così nei confronti degli stessi dipendenti della Pubblica Amministrazione, quale sarà l’atteggiamento nei confronti del comune cittadino?

PALAZZO DI GIUSTIZIA

Danno erariale ci fù?, del 16.12.2013, lunedì

Dicembre 16, 2013 in Contributo

Riportiamo la riflessione di Michele Lonzi sull’articolo di “Livesicilia”:

Redditi, curriculum e missioni. La giunta Crocetta a nudo

Ho letto, proprio oggi, un servizio di live sicilia su “la giunta Crocetta, si
mette a nudo”, mi piacerebbe leggere invece dei loro curriculum, i curricula
dei dirigenti della regione siciliana, per scoprire, finalmente, che non ci
sono specifiche professionalità, all’interno dell’organico. Pertanto non si è
mai commesso nessun reato di interesse privato in atti di ufficio, né tanto
meno di danno all’erario, continuando a far ricorso ad esterni,  per incarichi
dirigenziali e consulenze , con buona pace di tutti!
Un caro saluto
Michele Salvatore Lonzi

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.<br> Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi