Sportello d’ascolto per il benessere dei regionali? Ma Crocetta lo sa?, del 12.07.2013, venerdì

12 luglio 2013 in Post ad hoc

 

Oggi ho ricevuto l’invito a partecipare, insieme ai miei collaboratori, all’inaugurazione dello “Sportello d’ascolto finalizzato al benessere e alla valorizzazione del potenziale del personale della P.A.” rivolto ai dipendenti di questo Dipartimento.
L’incontro si terrà il giorno 16 luglio 2013 alle ore 10.00 presso la “Sala conferenze”del Dipartimento della Funzione Pubblica e del personale.
Sembra che ci sia l’intenzione di estendere l’iniziativa a tutti i Dipartimenti dell’Amministrazione.
Alla inaugurazione prenderanno parte:
  • Patrizia Valenti, Assessore delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica,
  • Luciana Giammanco, Dirigente Generale del Dipartimento della Funzione Pubblica e del Personale,
  • Giovanna Manna, Docente del Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Palermo,
  • Gianfranco Badami, Docente a contratto dell’Università degli Studi di Palermo ,
  • Antonino Cangemi, Dirigente del Servizio 7 del Dipartimento della Funzione Pubblica e del Personale,
  • Tommaso Gioietta e Piera Maria Calafiore, Psicologi dello Sportello d’ascolto.
Questo l’evento al quale spero di partecipare, compatibilmente con gli impegni del mio ufficio.
 
L’iniziativa è certamente importante e spero che sia diffusa al resto dell’Amministrazione regionale ma …
 
Il “ma” di fronte a questa iniziativa è d’obbligo, non tanto per l’iniziativa in se, quanto piuttosto per il contesto in cui si viene a collocare e per contesto intendo il clima che da alcuni mesi a questa parte si respira in “alcuni” uffici della Regione Siciliana.
Parlare di ascolto finalizzato al benessere e alla valorizzazione del potenziale del personale quando la categoria dei lavoratori regionali, generalizzando, subisce continue accuse di “fannullonismo” “incapacità” e finanche propensione a comportamenti “mafiosi”, lascia sicuramente interdetti … specialmente se queste accuse partono dal Governo della Regione. Governo regionale che partecipando all’inaugurazione dell’iniziativa in questione dovrebbe dire cosa pensa esattamente dei dipendenti regionali … gli psicologi dello sportello di ascolto servono per la valorizzazione del potenziale o per superare le crisi di identità che i dipendenti regionali più sensibili cominciano ad accusare?
 
 
Condividi