Dipendente regionale? Si, … ma anche scrittore!, Incontro con Salvatore D’Agostino, del 30.11.2015, lunedì

30 Nov 2015 in Incontri, Prima Pagina

Dipendente regionale? Si, … ma anche scrittore!, Incontro con Salvatore D’Agostino, del 30.11.2015, lunedì

Un altro lunedì pomeriggio con “Perchè no…qualcosa si muove”, l’associazione di dipendenti della Regione Siciliana, ma non solo.

Questo lunedì è stato il turno del quarto incontro del ciclo “Professione: dipendente regionale, anzi no … scrittore!”, nuovo ciclo di incontri di “Perchè no…qualcosa si muove” e il nostro ospite è stato Salvatore D’Agostino, dirigente in pensione dell’Istituto regionale della vite e del vino oggi IRVOS.

Incontro moderatamente partecipato per gli “standard” dei nostri incontri, in 5 abbiamo trascorso quasi due ore circa al Cream Coffee parlando con Salvatore D’Agostino della sua esperienza quarantennale all’Istituto Vite e Vino e della sua ultima fatica “La vitivinicoltura siciliana con particolare riguardo al decennio 2004-2013″.

vitivinicoltura d'agostino

Libro nel quale Salvatore D’Agostino traccia un quadro completo ed articolato del settore vitivinicolo siciliano che guarda avanti tirando le conclusioni del decennio trascorso. Non un quadro statistico e informativo ma un quadro tecnico, scientifico dal quale ricavare linee di riflessione e di azione. Non è soltanto il chimico, ma l’enologo e l’enotecnico che scrive, dettato dalla passione, che è la cifra della sua personalità. E questo è un merito incontestabile dell’autore che si rinnova con questo libro, che andrebbe letto da tutti quelli che hanno davvero a cuore questo importante settore dell’Agricoltura e dell’Economia Siciliana. (Amazon)

La produzione bibliografica di Salvatore D’Agostino è una produzione tecnico-scientifica finalizzata a trasferire le conoscenze che ha maturato alla direzione del laboratorio di analisi dell’IRVV e nel confronto con i tanti produttori vinicoli con i quali ha intrattenuto relazioni professionali legati al suo incarico. Essere scrittore per un professionista come Salvatore D’Agostino è quasi un dovere, ma non un mero dovere legato a un compito d’istituto, ma l’esigenza di divulgare il frutto del suo lavoro svolto con passione e teso alla valorizzazione di un settore che da solo rappresenta una parte importante dell’economia agricola siciliana. Ma chi si occupa di vino non è mai un operatore neutro rispetto al prodotto di cui si occupa e il vino, in Sicilia, è cultura, è tradizione e anche ricerca. Ricerca continua che ha portato questo settore a diventare una produzione di elitè dopo che per tantissimo tempo è stata considerata una produzione di massa.

Ma Salvatore D’Agostino non ha voluto parlare soltanto della sua ultima opera. Ha voluto essere prodigo di consigli per chi decide intraprendere la strada di pubblicare una propria opera, narrativa o tecnico-scientifica che sia. Con il suo taglio statistico ha illustrato la realtà del mercato editoriale siciliano e ha fornito una serie di dritte finalizzate a far affrontare la sfida editoriale con la dovuta attenzione anche all’aspetto dei costi. Il tempo è volato e con Salvatore D’Agostino si è rimasti di organizzare una serata nel quale le parole lasceranno il posto alla degustazione di una selezione di vini guidata da un esperto quale lui è … chi fosse interessato si prenoti fin da adesso! Un grazie a Salvatore D’Agostino che nonostante i tanti anni di lavoro non smette di amare quel mondo in cui è vissuto e al quale non farà mancare il suo contributo.

Tra un caffè e un biscottino il tempo è volato e anche questa volta ci siamo concessi il piacere di trascorrere un paio d’ore tra persone interessate all’ascolto di un collega, di un amico che ha qualcosa da dire e soprattutto da scrivere.

Un altro bell’incontro di “Perchè no…qualcosa si muove”.

Un grazie a Salvatore D’Agostino, con l’auspicio che presto si possa vedere in libreria una sua nuova fatica, e un grazie alle amiche e agli amici che hanno voluto trascorrere con noi un po’ del loro tempo parlando di cultura … un lusso con i tempi che corrono!

Al prossimo incontro in compagnia di Antonino Cangemi … il prossimo 21 dicembre … per farci anche gli auguri di serene festività!

Condividi