Praterie sconfinate dinanzi a noi … purtroppo!, by Fedro, del 17.06.2013, lunedì

17 Giugno 2013 in Post ad hoc, Prima Pagina

 

Già da alcuni giorni abbiamo cominciato la nostra opera di informazione. Abbiamo immaginato una serie di rubriche all’interno delle quali trovate gli articoli da noi selezionati e spesso commentati. Naturalmente non può essere, e non vuole essere, soltanto questo l’opera della nostra Associazione che è nata per dare voce ai dipendenti ed ex dipendenti della Regione che sono stanchi dei troppi silenzi e delle troppe omissioni che caratterizzano il clima all’interno del nostro Ente.

Perchè no…qualcosa si muove non è un soggetto abilitato a negoziare alcunchè ma questo non vuol dire che non potremo dire come la pensiamo su tutto ciò che riguarda la Regione, perchè tutto ciò che la riguarda ci interessa in quanto legittimi portatori di interesse a che la Regione funzioni e possa garantire il futuro dei suoi dipendenti ed ex dipendenti.

E a chi importerà cosa diciamo? Saremo dei cani che abbaiano alla luna? Forse si, se a seguire la nostra attività saranno in pochi. Ma se come speriamo saranno in tanti a seguire la nostra attività forse ciò che diremo e scriveremo potrà servire a far riflettere chi è chiamato a prendere le decisioni.

Noi non saremo dei portatori di interesse di pochi o tanti iscritti come sono use fare altre organizzazioni. Noi vorremo essere portatori di interessi diffusi nell’interesse di tutti i dipendenti ed ex dipendenti che sono convinti che soltanto nel rispetto delle regole, nella trasparenza e nella valorizzazione del merito si fanno gli interessi di tutti.

Quello al quale stiamo assistendo oramai da troppo tempo è il risultato del mancato rispetto di tutto ciò. E’ la dimostrazione che il “favore” strappato ieri oggi si ritorce contro e quello che era un “favore” è divenuto l’arbitrio di chi detiene il potere e che spregiudicatamente lo esercita secondo un personalissimo giudizio.

Le nostre orecchie e i nostri occhi sono le vostre orecchie e i vostri occhi e contiamo che quello che diremo sarà quello che voi avreste voluto dire. Ma per fare questo abbiamo bisogno di costruire una nostra rete di relazioni che ci consenta di essere informati su tutto ciò che succede nei nostri uffici e che merita di essere portato a conoscenza di tutti e di qui l’invito ad avvicinarvi all’Associazione e partecipare al processo di formazione delle nostre proposte. Noi speriamo che la quota associativa una tantum non costituisca un ostacolo e se lo fosse … parliamone!

Perchè no…qualcosa si muove se avrà qualcosa da dire lo dirà su tutto ciò che riguarda la Regione Siciliana e non soltanto nell’interesse dei suoi dipendenti ed ex dipendenti ma anche dei cittadini utenti che meritano una Amministrazione di qualità ed efficiente.

Non avremo argomenti privilegiati e li affronteremo mano mano che ci imbatteremo in essi.

Al momento nella nostra lista delle riflessioni da fare abbiamo quelle relative:

  1. a una corretta analisi delle assenze dal lavoro dei dipendenti
  2. ai percorsi di carriera all’interno di una organizzazione
  3. alla attribuzione di incarichi a soggetti esterni ai ruoli dell’amministrazione
  4. all’impatto delle inefficienze della burocrazia sulla economia regionale
  5. alla distribuzione del personale tra i diversi uffici e la ripartizione tra attività di back-office e di front-office
  6. all’impatto della regolamentazione sulla attività degli uffici
  7. al bilancio sociale come strumento di valutazione della performance dell’organizzazione
  8. a una modalità per evidenziare le competenze professionali dei singoli lavoratori
  9. all’opportunità di costituirsi, come Associazione, parte civile per il ristoro del danno cagionato al decoro e alla onorabilità dei dipendenti regionali onesti da quei lavoratori che vengono condannati per condotte illecite
  10. ai servizi infotelematici della Regione (Non passa settimana che non venga recapitata una mail con i servizi infotelematici temporaneamente non fruibili per manutenzioni varie: ma quanto sono costati, quanti operatori li utilizzano, che servizio offrono, come sono state stabilite le priorità nella loro realizzazione, vengono utilizzati realmente … e tante altre domande che ci faremo quando affronteremo l’argomento!)

Sono tutti temi che sicuramente altri hanno già affrontato ma che noi cercheremo di trattare dal nostro punto di vista … con il vostro aiuto.

Più ci riflettiamo e più ci rendiamo conto che dinanzi a noi ci sono … praterie sconfinate nelle quali cimentarsi … ma sembra che a vederle siamo soltanto noi.

Basti dire che il nuovo Governo regionale, in sette mesi o poco più non è nemmeno riuscito a far partire il nuovo sistema di gestione della performance che avrebbe dovuto disciplinare il nuovo sistema di incentivazione del personale a partire dal primo gennaio 2013. Un invito alla lettura della delibera della Giunta di Governo n.138 del 10/04/2013 con la quale si dispone il rinvio di tutto al 2014 e magari al 2015 … ma come? Con un presidente che ha le idee chiare su tutto e rimuove funzionari a ogni piè sospinto perchè questo rinvio? Ma di questo parleremo in un altro post!