Crocetta, niente critiche al manovratore!, del 06.08.2013, martedì

6 Agosto 2013 in Post ad hoc

 

Quando si verificano certi brutti episodi c’è solo da esprimere la propria solidarietà e chiedere che le istituzioni facciano il loro dovere assicurando la necessaria sicurezza a chi si espone nell’interesse della collettività.

Detto questo sembra che il presidente Crocetta stia utilizzando questo episodio per togliersi qualche sassolino dalle scarpe … non sembra aver gradito il recente cambiamento di attenzione della stampa, e non solo, nei suoi confronti.

Ma cosa c’è di sbagliato nel criticare la mancanza di concretezza nell’affrontare i problemi del momento?

Cosa c’è di sbagliato nel chiedere quale futuro “concreto” immagina per i siciliani che sono nella morsa della crisi?

Cosa c’è di sbagliato nel chiedere in cosa si concretizza la discontinuità con il precedente governo della Regione?

Cosa c’è di sbagliato nel rivendicare il rispetto delle regole e l’abbandono delle pratiche della solita politica accaparratrice e nepotista?

Da chi si è intestato la lotta contro la mafia e contro il malaffare mi aspetto una maggiore attenzione alla dignità delle persone e che soprattutto non faccia ricorso all’intimidazione giudiziaria. Il buon governo non teme la critica e se un governo teme la critica vorrà dire che tanto buono non è!

  1. “Crocetta faccia i nomi Oppure taccia”
    … dice l’ordine della stampa!

  2. Irsap, Crocetta difende Cicero: “Contro di lui mafiosi e deputati” 

  3. Dalla politica alle imprese: pioggia di solidarietà a Cicero

  4. Barbagallo difende Crocetta: “Non strumentalizzare tragedie”
    … non è chiaro a chi si riferisce … secondo me!

  5. Ferrandelli scrive a Crocetta “Mi spiace, ma non ci sto”
    … Ferrandelli parafrasa il titolo del libro di Crocetta ma … che c’azzecca il titolo con il contenuto dell’articolo?