Personale cercasi, del 24.09.2020, giovedì

Settembre 24, 2020 in Personale cercasi

Pubblicità postazioni dirigenziali vacanti

Manifestazioni di interesse per mobilità interdipartimentale del personale del ruolo organico dell’Amministrazione regionale

Danno erariale ai tempi di Crocetta … così è se vi pare?, del 23.11.2014, domenica

Novembre 23, 2014 in Noi la pensiamo così

E’ recentissima la notizia dell’avvio di una procedura per danno erariale contro il presidente Crocetta, il dott. Ingroia, il dott. Dell’Aira dell’avvocatura dello Stato e una parte della Giunta regionale del tempo, per aver dato il via libera alla assunzione di personale in Sicilia e-Servizi.CORTE-DEI-CONTI

Cosa farà adesso il presidente? Lo sapremo solo vivendo, ma abbiamo la sensazione che difenderà la sua scelta e quella del dott. Ingroia. Il presidente Crocetta ha infatti una idea tutta sua sulle sentenze che vanno rispettate e quelle che non vanno rispettate o delle accuse di cui si deve tenere conto e di quelle di cui non si deve tenere conto.

Leggi il resto di questa voce →

Corte dei Conti, Una lettura dei documenti del rendiconto, del 12.07.2014, sabato

Luglio 12, 2014 in Noi la pensiamo così

Dalla RELAZIONE ORALE PER L’UDIENZA DI PARIFICAZIONE del RENDICONTO GENERALE DELLA REGIONE SICILIANA per l’ESERCIZIO FINANZIARIO 2013

La relazione è un documento di 58 pagine con la quale viene commentato il rendiconto e vengono evidenziate alcune delle criticità di maggiore rilievo sulle quali la Corte accende i propri riflettori nella speranza che il Governo della Regione ne tragga le necessarie conseguenze … ma a vedere i risultati di tutti questi anni di rendiconti non sembra che i Governi hanno prestato la necessaria attenzione.

Significativo il commento della Corte con il quale si chiude la “Premessa” …

… “In conclusione, tenuto conto, soprattutto, delle luci e delle ombre che emergono dal referto della Corte sul consuntivo regionale del 2013, s’intende fermamente rimarcare l’imprescindibile esigenza che, a tutti i livelli di governo e da parte di tutti i soggetti istituzionali e burocratici, si abbandoni prontamente la fase meramente programmatoria e riflessiva per passare a quella dei concreti interventi e delle fattive realizzazioni. (N.d.R. Parafrasando … meno chiacchiere e più fatti!)

Pur dando atto al Governo regionale delle iniziative già realizzate e delle proposte di riforma relative ad alcuni significativi settori d’intervento, la Corte è dell’avviso che la Regione, per superare la grave sofferenza dei conti pubblici e puntare decisamente su rinnovate strategie di sviluppo, nonché di risposta alle emergenze sociali, non possa più fare a meno di elaborare, e al più presto, un programma pluriennale di aggiustamento economico CORTE-DEI-CONTIfinanziario, sostenibile, ma nello stesso tempo severo, da definire ed attuare nell’ambito di una rafforzata cooperazione con lo Stato il quale, comunque, dovrà in futuro maggiormente attenersi al principio di leale collaborazione.” … anche la Corte dei Conti si è stufata degli annunci?

Mi piacerebbe sapere quanto della “Relazione” e del “Rendiconto” in generale sia stato comprensibile al Governo che spesso con i numeri fa un po’ di confusione e il rendiconto di numeri e zeppo!

Ma lasciando i numeri agli esperti mi concentrerò sulle critiche della Corte e sulla disparità di trattamento che riserva ai dipendenti della Regione rispetto a quelli degli altri comparti di cui si tratta nel rendiconto.

Leggi il resto di questa voce →

Corte dei Conti, Sicilia, E se leggessimo bene la “parifica 2013”?, del 06.07.2014, domenica

Luglio 6, 2014 in Cronache dal Governo, Prima Pagina

Leggere i documenti prodotti dalla Corte dei Conti siciliana a corredo del giudizio di parifica per il bilancio 2013 non è una attività da poco. Si tratta di centinaia e centinaia di pagine non tutte di facile comprensione per i non addetti ai lavori. Eppure per alcuni giorni la stampa si concentra solo su alcune notizie … quelle più gradite ai lettori siciliani e cioè le solite valutazioni sul costo del personale regionale e sul numero di dipendenti e dirigenti in particolare.CORTE-DEI-CONTI

Noi proveremo a fare una analisi più ragionata, cosa che ci prenderà un po’ più di tempo ma che ci permetterà di comprendere meglio cosa non funziona nella gestione delle risorse pubbliche da parte di tutti i diversi attori del sistema, siano essi la Regione, gli Enti locali, le strutture sanitarie e altro ancora. Ci piacerebbe che anche su questi attori si concentrasse l’attenzione della magistratura contabile … ma forse la stampa ama soltanto i “regionali”.

Sicilia, 100 milioni di buco nella sanità. Corte Conti: “Bilancio incongruente”

Corte dei Conti 4/ La doppia morale di Crocetta: vuole penalizzare i dirigenti dell’Ars e ‘premiare’ gli uomini del suo ‘cerchio magico’!

Corte dei Conti 3/ Una Regione sempre più indebitata. Che perde soldi con operazioni finanziarie temerarie…

Parifica, ok della Corte dei Conti Ma troppe “zone d’ombra”

Corte dei Conti 1/ Da cancellare subito 750 milioni di euro di residui attivi

Corte dei Conti 2/ Sanità, la ‘grande abbuffata’ delle forniture con ‘affidamento diretto’

In questa sede, oltre a segnalare alcuni articoli sulla “parifica” 2013, riporto qualche dato:

Leggi il resto di questa voce →

Corte dei Conti, Loro non si dimenticano di noi!, del 04.07.2014, venerdì

Luglio 4, 2014 in Post ad hoc, Prima Pagina

 

Troppi, privilegiati e con stipendi d’oro La Sicilia è il paradiso dei dirigenti … un personaggio di Camilleri direbbe “s’amminchiaru” con i dipendenti della Regione.

Non so se è per mancanza di argomenti o perchè è un tema che tutti si aspettano, la Corte dei Conti anche quest’anno ha evidenziato la situazione dei dipendenti della Regione e in particolare dei dirigenti. In questo articolo è interessante l’analisi parziale che viene fatta dei dati riportati … la nota positiva riguarda il personale CORTE-DEI-CONTIdel comparto il cui trattamento economico non desta alcuno scandalo considerandolo addirittura ai limiti della modestia … forse qualcuno ha dimenticato che oltre 5 mila dipendenti delle categorie A e B non arrivano a mille euro di stipendio mensile e concorrono a diminuire significativamente il trattamento economico medio del personale con qualifica non dirigenziale.

Cosa diversa il trattamento dei dirigenti le cui medie sembrano un po’ troppo generose! Notevole il passaggio sulla famigerata “clausola di salvaguardia” … ma quelli della Corte li leggono i giornali? Sanno che oramai alla Regione il diritto è un optional? Hanno saputo che le indennità di posizione dei dirigenti sono state tagliate del 20 % e in alcuni casi del 40%? Hanno saputo che in diversi dipartimenti la “clausola di salvaguardia” viene considerata “superata di fatto” … perchè lo dice la Corte dei Conti? Hanno notizie della risoluzione unilaterale dei contratti in dipartimenti quali quelli dell’ambiente e della formazione voluta dal presidente Crocetta?

Leggi il resto di questa voce →

E poi dicono che i dipendenti regionali sono inutili!, del 28.02.2014, venerdì

Febbraio 28, 2014 in Contributo

 

Quando il dottor Busalacchi si insediò al Dipartimento del Personale, nel 94-95, tra le sue prime disposizioni ci fu il rientro di tutto il personale regionale comandato altrove … successe un macello!

Procuratori generali che minacciarono il blocco dei TAR, Corte dei Conti col rischio della paralisi amministrativa, Ministeri a Roma, Istituti di Ricerca, Comuni sull’orlo del fallimento … nemmeno lui potè riuscirci: poco tempo dopo, tutti rientrarono là da dove erano venuti.

Ma allora i dipendenti regionali non erano così “scarsi” come continuamente ci andavano ripetendo!

A distanza di anni la storia sembra ripetersi.
La Corte dei Conti di Palermo richiede la sostituzione di una delle unità di personale regionale assegnate presso i suoi uffici perchè, attualmente e forse ancora a lungo, indisponibile per malattia. Siccome il soggetto in questione è adibito al servizio di “reception e portineria”, la Corte ne evidenzia il “grave pregiudizio” per la sua attività.

E noi che credevamo che il personale regionale comandato presso gli uffici giudiziari lo fosse in virtù della professionalità e della competenza possedute, in quanto utilizzato per svolgere azione coadiuvante e di supporto nell’onerosa opera di controllo e verifica dei Conti effettuata ogni anno dalla Corte sull’attività amministrativa della Regione siciliana!!!!!! (almeno così lasciano intendere i giudici!)

Ma alla Corte dei Conti non ce li hanno 2 o 3 PIP o similari da mettere in portineria?

Ma con quali criteri avvengono e quanti sono attualmente (rispetto al presunto numero totale di 18000 dipendenti) i comandi, i distacchi, le assegnazioni di personale regionale presso altre amministrazioni pubbliche, regionali e statali?

Naturalmente lo sopranno i sindacati … o no?

Un’ultima considerazione.

Proprio la Corte dei Conti che non perde occasione di bacchettare la Regione per l’eccessivo numero di dipendenti, con quale coerenza si rivolge a quello stesso Ente per colmare i propri organici?

Meditiamoci sopra!

La Regione è una polveriera … lo dice la Corte dei Conti … tutti gli anni!, del 17.07.2013, mercoledì

Luglio 17, 2013 in Post ad hoc

 
La Corte dei Conti, con il suo appuntamento annuale  “Relazione sul Rendiconto della Regione siciliana” , contribuisce a smuovere il sonnacchioso clima che precede la lunga pausa estiva.
La Relazione, con il suo allegato statistico, consta di circa 450 pagine dense di numeri e di considerazioni sulle quali anche gli addetti ai lavori hanno le loro difficoltà a raccapezzarcisi. Eppure, Leggi il resto di questa voce →

Parifica 2012 … la Corte fa volare i soliti stracci!, by Paolo Luparello, del 30.06.2013, domenica

Giugno 30, 2013 in Post ad hoc

 

Come ogni anno è il tempo della “parifica”. La Corte dei Conti bacchetta la Regione ed è l’occasione ghiottissima per tutti i vari organi di informazione (informazione?) per lanciarsi in una serie di articoli la cui unica utilità è quella di stimolare i tantissimi anonimi commentatori dei quotidiani online che si lasciano andare al solito repertorio di contumelie … e così sono tutti contenti!
Quella che dovrebbe essere una occasione vera per analizzare i comportamenti della Regione si trasforma in una comparsata per dire “ti conosco mascherina!” … e poi?
Mai una analisi seria (confronti sistematici o benchmarking con altre realtà). Mai l’individuazione di percorsi concreti da suggerire. Naturalmente non è compito della Corte dei Conti fare tutto ciò … vero? Ma siamo sicuri che la “legge” non attribuisce altro ruolo che quello del “grillo parlante”?
E poi … mai che si provi a dare una lettura diversa dal solito canovaccio trito e ritrito da anni!
Ci si concentra sulle voci di spesa aggregate senza compiere alcun approfondimento sulla struttura di queste componenti di spesa e soprattutto sui risultati di questa spesa. Non una parola sui risultati del lavoro della Regione, dei “forestali”, del servizio sanitario regionale e su tanto altro ancora.
Rispetto a che cosa siamo troppi. Rispetto a che cosa costiamo troppo. A quando una lettura del rendiconto della Regione veramente utile. L’attenzione viene soltanto riservata al costo del personale della Regione, che viene ancora dipinto come una sorta di casta (che lo scriva un organo di informazione che deve riempire una paginetta è un conto ma che continuino a farlo pensare “autorevoli consessi” è veramente grave!) mentre non ci si occupa della qualità dei servizi prestati dalla sanità siciliana, della qualità dell’ambiente della Sicilia, della pessima qualità dei servizi di raccolta dei rifiuti (Corte dei Conti e giornali non si accorgono dello stato in cui versano le città?), della pessima qualità di manutenzione del territorio (nonostante le decine di migliaia di “precari” la Sicilia sembra una terra abbandonata!) … a fronte di questo e tanto altro ancora quali sono le ricette proposte? Nessuna!
 
Perchè la Corte dei Conti non ci racconta quanti sono loro, cosa costano (ma non a livello aggregato – composizione del personale, trattamenti economici medi, minimi e massimi, incarichi extra istituzionali), livello di servizi prestati, analisi del tempo di lavoro prestato. Anziché parlare soltanto degli altri perchè il primo esame non si rivolge a se stessi e ci si pone a pietra di paragone? Sicuramente non ci sarà una legge che lo prevede … peccato!
 
Ma andiamo a leggere un po’ di articoli …
 
Naturalmente la dirigenza regionale è sempre al centro delle attenzioni della Corte … Dirigenti, l’accusa della Corte dei Conti Troppe rotazioni, troppi esterni, troppi privilegi … partendo da una analisi condivisibile per larga parte (guida dei dipartimenti senza continuità, incarichi dirigenziali a esterni) si propina la solita ricetta che più che guardare alle ragioni di certi istituti (clausola di salvaguardia “venduta” come un privilegio!) sembra dettata da una sorta di rancore personale! Ma come si suol dire non c’è peggior sordo di chi non vuole ascoltare!
 
Crocetta: “Apprezzamento per il lavoro della Corte”… mi fa piacere dell’apprezzamento ma in concreto cosa farà? Perchè qualcosa potrebbe fare … o no? Vediamo cosa dirà nel 2014 quando della gestione del 2013 sarà lui il responsabile!
Sono cinquantamila e costano più di un miliardo Ecco l’esercito dei lavoratori “regionali” … queste cifre danno luogo a tutta una serie di riflessioni dalle quali i giornalisti si tengono ben lontani … naturalmente! Domandarsi per esempio perchè la politica ha a cuore soltanto una parte della propria popolazione (varie categorie di precari e di lavoratori a tempo determinato) e trascura totalmente tutto il resto dei disoccupati siciliani.
Le spese della ‘corona’ regionale “Ci sono anomalie nel bilancio” … abbiamo pure il giornalista “spiritoso” che si dedica ai titoli anziché andare a domandare al presidente il perchè delle cifre evidenziate dal Codacons!
Sanità privata, Cittadini: cifre errate dalla Corte dei conti … e qualcuno contesta anche le cifre!
Sanità, più esterni Ma si spende di meno … su un articolo del genere andate a leggere i commenti (4 alle ore 12,00 del 30 giugno 2013). Nessuno che si chiede se per i servizi che i siciliani ricevono è giustificato questo onere sul bilancio regionale. Nessuno si domanda quanto si spende per il personale e quanti sono i dirigenti nel settore della sanità. Nessuno si scandalizza sul fatto che qualche medico della sanità pubblica svolge attività privata e che magari non rilascia nessuna ricevuta. Ma della sanità è meglio non parlarne … vero?
Sicilia, Corte dei conti: “Rischio crac per il bilancio. Necessario contenere costi” … qualcuno mi segnala la risposta della Regione con la quale tranquillizza gli investitori internazionali, e non solo, e le società di rating?
Il boom dei baby-pensionati Spese per 656 milioni … anche qui numeri a go-go! Ma si tratta di dati netti o lordi. Si tratta di dati medi? Quando l’informazione non informa!
La Corte dei conti lancia l’allarme: “Particolare preoccupazione per il debito”Corte dei conti: debito di oltre 5 miliardi per la Regione … ma se la Regione non ha contratto nuovi mutui e continua a pagare regolarmente le rate sui mutui già contratti … quale è esattamente la preoccupazione della Corte? Vogliamo parlare del bilancio dello Stato? Vogliamo parlare del rapporto debito/PIL?
A quando una riflessione sul rendiconto della Regione che guardi ai veri problemi e non sia soltanto l’occasione per togliersi i soliti “sassolini” che conosciamo benissimo? Non vediamo l’ora della prossima parifica … sarà rivoluzionaria anche quella … naturalmente!
Nella considerazione che una delle pre condizioni per poter raggiungere qualsiasi obiettivo è la certezza della guida, come Associazione proporrò la creazione di una rubrica che aggiorneremo sul blog nella quale per ogni assessorato e per ogni dipartimento registreremo la data di insediamento e la data di cessazione degli incaricati … proveremo a ricostruire gli incarichi fin dalla precedente legislatura … ci date una mano? Leggendo questi elenchi poi vedremo di chi è la colpa dello stato in cui si trova la Regione e la Sicilia!

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.<br> Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi