Aspetto che passi, perchè passerà!, di Paolo Luparello, del 21.03.2020

21 Marzo 2020 in Noi la pensiamo così, Post ad hoc, Prima Pagina

Aspetto che passi, perchè passerà!

Di Paolo Luparello

Non so quanto durerà e quando potrò riprendere le mie abitudini.

Lo stress che mi investe ha degli alti e bassi, e più passano i giorni più imparo a conoscere me stesso.

Non so se mi piacerò dopo questa esperienza dolorosa.

Non so come reagirò a tutte le situazioni che mi troverò a dover affrontare.

Non so se avrò paura per me stesso, o per le persone a me care o per entrambi.

Non so se farò le cose giuste e se in me prevarranno comportamenti opportunistici o altruistici.

Nei limiti del possibile evito di aggiungere stress a quello che non posso evitare.

Ricevo, come tutti, tanti messaggi.

Mi rifiuto di aprire messaggi di cui non conosco il contenuto o il cui contenuto è già dichiarato non potrà che aumentare lo stress (complotti, strategie di organizzazioni tipo Spectre, testimonianze di nessuna utilità).

Leggo con piacere messaggi che sono ispirazione per affrontare questa condanna a restare con me stesso.

In questo momento non ho bisogno di aumentare lo stress.

Guardo la televisione a partire dalle 18, quando la protezione civile legge il bollettino di guerra.

Ogni giorno, fino a oggi, è stata una delusione.

Delusione?

E come si devono sentire coloro che rientrano nelle statistiche che vengono snoccialate, deceduti esclusi purtroppo?

Come si devono sentire coloro che attendono il responso del tampone?

Come si devono sentire coloro che avvertono o credono di avvertire sintomi che possono far pensare a questa maledetta influenza?

Io aspetto.

Aspetto che passi. Perchè, passerà!

Chi oggi dispensa critiche e scenari apocalittici è da assimilare all’untore, perchè certi messaggi possono portare alla disperazione e possono determinare il panico tra la popolazione, quanto più a lungo durerà questa tragedia.

Solo se non mi farò prendere dal panico potrò prendere le migliori decisioni, e questo vale per tutti.

Finchè saranno assicurati i servizi essenziali si tratta di aspettare.

Tutta la comunità scientifica sta lavorando alla soluzione di questa tremenda crisi.

Buono o cattivo che mi possa sembrare, il nostro mondo è il risultato del lavoro di questa comunità scientifica.

Io attendo con fiducia e nel frattempo faccio la mia parte.

Seguo le indicazioni che le autorità politiche e scientifiche ci hanno dato, questo vuol dire fare la mia parte.

Caro amico, cara amica, prova anche tu a non alimentare lo stress, prova invece a contribuire affinchè ognuno faccia la propria parte e #andràtuttobene